Bacche di sambuco: proprietà e controindicazioni

da , il

    Bacche di sambuco: proprietà e controindicazioni

    Le proprietà delle bacche di sambuco sono diverse; le controindicazioni, invece, sono poche, anche per bambini e anziani. Il nome scientifico della pianta di sambuco è “Sambucus Nigra”; i suoi fiori sono particolarmente profumati e di colore bianco, mentre i frutti hanno l’aspetto di piccole bacche nere simili ai mirtilli. Queste bacche si raccolgono da agosto a settembre e hanno svariate proprietà benefiche per la salute. Quali sono e come consumare le bacche?

    Proprietà

    Le bacche di sambuco contengono circa il 79 % di acqua, lo 0,5 % di grassi e carboidrati, lo 0,6 % di ceneri, lo 0,7 % di proteine ed il 7 % di fibre. I minerali contenuti in esse sono per lo più: potassio, calcio, fosforo, ferro e magnesio. Le vitamine, invece, sono la: vitamina A, le vitamine B1, B2, B3, B5, B6 e la vitamina C. Infine, le bacche di sambuco contengono: antociani, acido clorogenico e acido cinnamico. Sono proprio tutte queste componenti a conferire le proprietà terapeutiche alle bacche.

    Benefici

    Le proprietà e i benefici delle bacche di sambuco sono note sin dall’antichità. In particolare, esse hanno proprietà lassative e purgative, ma anche protettive per il sistema cardiovascolare. In particolare, si può preparare un infuso con fiori e bacche per difendersi dal pericolo di sviluppare arteriosclerosi. Per la preparazione fate bollire 100 grammi di fiori e bacche in due litri d’acqua per 20 minuti circa. Una volta raffreddato e filtrato bene l’infuso, si consiglia di berne un bicchiere per tre volte al giorno per tre settimane. Ancora, le bacche di sambuco possono essere assunte in caso di diarrea e di coliche. Il succo estratto dalle bacche, invece, può essere assunto per le sue proprietà antibatteriche e antivirali, quindi anche in caso di influenza. Il succo di sambuco (ottenuto dalla spremitura delle bacche), poi, è ricco di bioflavonoidi ed antocianine, sostanze antiossidanti naturali utili per proteggere dall’invecchiamento precoce e dalle malattie ad esso connesse (tra cui anche il cancro). Grazie a queste componenti, si va anche a rinforzare naturalmente il sistema immunitario. Infine, va considerato che le bacche hanno davvero pochissime calorie e quindi sono consigliate anche come alimento spezza fame (per fare gli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio) a chi vuole perdere peso o vuole mantenersi in forma. Le calorie apportate sono circa 70 per 100 grammi di prodotto.

    Usi e controindicazioni

    Le bacche di sambuco possono essere mangiate al naturale oppure sotto forma di succo. In alternativa, le bacche possono essere assunte per preparare marmellate, budini o altri dolci. Con le bacche ed i fiori di sambuco si prepara anche il vino di sambuco. Per quanto riguarda le controindicazioni, infine, sarebbe meglio evitarne l’assunzione in gravidanza e allattamento. Inoltre, si potrebbero avere reazioni allergiche nei soggetti predisposti; per questo si consiglia di mangiare poche bacche quando vengono consumate per la prima volta. Infine, mai consumarle acerbe, perché potrebbero rivelarsi tossiche per l’organismo.

    Scopri anche le proprietà delle bacche di goji.