Dispepsia: cause, sintomi e cure

da , il

    Dispepsia: cause, sintomi e cure

    La dispepsia è la cattiva digestione, che provoca pesantezza di stomaco ed è sempre più diffusa. Il problema principale è l’alimentazione scorretta, non salutare e sregolata che si compie oggi, unita ad una vita sedentaria, stress, ansia e altri fenomeni nervosi. Di fatto la dispepsia è una condizione che molti di noi hanno provato più di una volta, mentre in alcuni soggetti il disturbo si cronicizza, tanto da diventare una vera e propria malattia, che rende difficile anche lo svolgimento delle semplici attività quotidiane. Vediamo la dispepsia un po’ più da vicino, analizzandone le cause, i sintomi e cercando di capire quali sono le cure consigliate.

    Cause della dispepsia

    Tra le cause principali che provocano l’insorgenza della dispepsia, vanno citate l’alimentazione scorretta, soprattutto se a base di cibi precotti, e sregolata (pasti rapidi, consumati velocemente, spesso in piedi) e la vita sedentaria. Di certo sedersi alla scrivania per ore, dopo aver mangiato, non aiuta la digestione.

    Altre cause della dispepsia sono:

    - stress psicofisico e ansia, spesso collegati al lavoro

    - sovrappeso e obesità

    - gastriti

    - uso indiscriminato e non controllato di alcuni medicinali, come quelli per curare l’impotenza

    Sintomi della dispepsia

    La dispepsia si presenta come pesantezza di stomaco dovuta a digestione, ed i sintomi tipici si identificano con bruciore di stomaco, alitosi, rigurgito acido in prossimità dei pasti, dolore generalizzato o localizzata in corrispondenza della parte alta dello stomaco.

    Curare la dispepsia

    Chiunque manifesta questo tipo di sintomi deve recarsi da un medico per una visita generica, che poi potrebbe diventare specialistica. I sintomi della dispepsia sono associabili con quelli di altre malattie, quindi una diagnosi accurata (tramite analisi del sangue, gastroscopia o altri esami che possono venire prescritti) è il primo fondamentale passo da compiere.

    In base agli esiti ricevuti, si deve agire sulle cause, adottando uno stile di vita più salutare, controllando il peso e passando ad una dieta idonea.

    A volte, però, le cause possono essere dovute a problemi meccanici dell’apparato gastrico, che determinano un intestino con mobilità limitata o la formazione di ulcere peptiche.

    In questo caso si tratta di dispepsia funzionale, e le cure prevedono l’assunzione di alcuni farmaci, come i procinetici, che aumentano la mobilità dell’apparato digerente; gli antiacidi per ridurre l’acidità; ansiolitici o antidepressivi (in casi gravi) se le cause sono ritenute di origine nervosa.

    Quanto scritto in questo articolo non ha alcun valore medico, ma solo informativo, quindi non deve sostituire o integrare il parere di un medico.