NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Liquirizia: proprietà, effetti e benefici per la salute

Liquirizia: proprietà, effetti e benefici per la salute

Pastiglie, caramelle, liquori, tisane, decotti e non solo: la liquirizia può essere consumata in diversi modi e può aiutarci grazie ai suoi numerosi effetti e benefici. Non solo un valido aiuto contro la pressione bassa, ma anche utilissima per le sue proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti, antispastiche e tante altre meno conosciute ma altrettanto importanti per la nostra salute.

da in Alimentazione, Benessere, Salute
Ultimo aggiornamento:
    Liquirizia: proprietà, effetti e benefici per la salute

    La liquirizia ha numerose proprietà e tantissimi effetti e benefici per la salute.
    Si estrae da una pianta chiamata Glycyrrhiza glabra e fa parte delle Leguminosae. La troviamo spesso sotto forma di caramelle o nei liquori, ma in commercio è possibile acquistare facilmente anche la radice di liquirizia. I suoi effetti benefici sono conosciuti sin dall’antichità, infatti sin dall’antico Egitto veniva utilizzata per le sue proprietà curative. Ciò avveniva non solo in Egitto ma anche in Cina, in India e nell’antica Grecia. Inoltre veniva utilizzata dagli Sciiti, tanto da essere denominata anche “radice sciita”, poichè pare che gli Sciiti la consumassero per resistere senza dover mai bere per diversi giorni. In Europa l’introduzione della liqurizia si deve ai frati domenicani nel XV secolo. Le sue proprietà più conosciute sono quelle antinfiammatorie e cicatrizzanti ma anche la capacità di far aumentare la pressione arteriosa e aiutare contro i disturbi del fegato. La liquirizia ha effetti anche sul sonno e sullo stomaco. Oltre ai benefici, però, è bene conoscere anche gli effetti collaterali per evitare di utilizzarla nel modo sbagliato.

    Uno dei suoi effetti più noti è quello di essere in grado di aumentare la pressione del sangue, per cui può essere considerata molto utile per chi soffre di pressione bassa, ma pericolosa per chi ha la tendenza ad avere la pressione alta. Spesso infatti, per l’ipotensione sono consigliati integratori, prodotti e tisane alla liquirizia e biancospino. Anche in presenza di pressione bassa è sempre bene evitare di eccederne perchè potrebbe causare un brusco e pericoloso aumento della pressione.

    La liquirizia è indicata per tutti i casi di infiammazioni cutanee, come la dermatite, l’herpes o l’eczema. Ne sono prova i numerosissimi prodotti e preparazioni a base di liquirizia che si possono trovare in commercio per pelli sensibili. Anche per le infiammazioni delle gengive un buon rimedio naturale è quello di masticare un bastoncino di liquirizia.

    La liquirizia è in grado, inoltre, di combattere l’acidità di stomaco. In questo caso si consiglia di ricorrere a un decotto di liquirizia. Da non dimenticare anche la sua utilità nel caso di spasmi allo stomaco: la liquirizia, grazie ai flavonoidi contenuti, è in grado di rilassare l’apparato gastrointestinale. Pare infatti che anche Napoleone la usasse prima delle battaglie per calmare lo stomaco.

    Inoltre l’estratto secco di liquirizia è di grande aiuto nei soggetti che soffrono di insufficienza epatica. Ha inoltre proprietà antiossidanti e antivirali ed è in grado di prevenire la bronchite e il raffreddore. Infine la liquirizia ha anche effetti lassativi, per cui in caso di stitichezza può essere anche un buon rimedio. Viene utilizzata molti anche come valido aiuto per smettere di fumare, grazie al suo sapore forte che permette di sostituire il bisogno dell’aroma del tabacco e delle sigarette. La liquirizia è poi anche utilizzata per contrastare l’alitosi, ecco perchè la troviamo tra gli ingredienti di alcuni dentifrici in commercio.

    Di certo non è complicato reperire la liquirizia o i prodotti alla liquirizia: la troviamo al supermercato, in erboristeria, nei negozi salutistici, ma anche nelle bancarelle per strada e così via. Ha un sapore particolare, abbastanza forte, che non tutti apprezzano. I puristi preferiscono consumare la radice, c’è chi invece preferisce le tisane, gli infusi e i preparati e chi è amante delle caramelle alla liquirizia purissima o delle classiche “rotelle” che ci riportano al periodo della nostra infanzia. In cucina è sempre più di moda utilizzarla come ingrediente non soltanto per la preparazione di dolci ma anche per le pietanze salate come risotti e salse. Sul web si possono trovare diverse ricette per piatti creativi e dal sapore deciso.
    Anche nella cosmesi sono tantissime le creme e i prodotti preparati con la liquirizia grazie alle sue proprietà lenitive. E’ utilissima, per esempio, contro l’acne e per combattere le macchie della pelle causate dal sole.

    Nonostante i tantissimi benefici, la liquirizia ha anche diversi effetti collaterali. Come già detto il suo consumo non è indicato in caso di ipertensione ed è da evitare se si è allergici alle leguminose. Inoltre assumerne grandi quantità può causare ritenzione idrica, mal di testa e gonfiore. E’ bene, poi, evitare di consumarla se si assumono già diuretici, lassativi, farmaci anticoncezionali o cortisone. E’ bene evitarne l’uso anche durante la gravidanza. Secondo una recente ricerca la liquirizia avrebbe anche degli effetti ormonali particolari, infatti sembra che il suo uso porti a una riduzione del testosterone, anche se tali risultati non hanno convinto del tutto la comunità scientifica. In ogni caso la regola da seguire è quella del buon senso, ovvero meglio non eccedere mai. Anche se siete amanti della liquirizia concedetevene solo un pezzettino al giorno, perchè consumarne troppa potrebbe far male alla salute.

    909

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBenessereSalute
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI