NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Ovaio multifollicolare: sintomi, cause e cure

Ovaio multifollicolare: sintomi, cause e cure
da in Ginecologia, Malattie, Salute
Ultimo aggiornamento:
    Ovaio multifollicolare: sintomi, cause e cure

    Ovaio multifollicolare: ne avete già sentito parlare? E quali sono i sintomi, le cause e le cure? Iniziamo dicendo che molte donne ne soffrono, spesso anche senza saperlo. Questa anomalia, comunque, non comporta dei cambiamenti ormonali, a differenza di quanto accade per l’ovaio policistico, perciò non richiede una terapia particolare e non deve preoccupare particolarmente. Ma cosa bisogna sapere? Di seguito troverete le risposte a diverse domande.

    Sintomi dell’ovaio multifollicolare
    Questa patologia prende il suo nome dalla presenza di numerosi follicoli ovarici. I follicoli non sono altro che piccolissime cisti della dimensione di pochi millimetri. L’ovaio multifollicolare non dà generalmente sintomi evidenti. Infatti, la maggior parte delle donne che ne soffrono, lo scoprono per caso nel corso di una visita ginecologica di routine in cui viene effettuata anche un’ecografia. La mancanza di sintomi dipende proprio dal fatto che la produzione di più follicoli da parte dell’ovaio non causa cambiamenti ormonali. Di conseguenza, anche il ciclo mestruale sarà regolare. Solo in pochi casi, infatti, nelle donne che soffrono di ovaio multifollicolare, si riscontrano anche delle mestruazioni irregolari. Una diversa sintomatologia, invece, si avrà nelle donne in cui l’ovaio multifollicolare tende a diventare policistico. In questi casi, infatti, ci saranno anche dei cambiamenti ormonali e quindi delle possibili variazioni del ciclo mestruale (con disturbi come la polimenorrea, amenorrea e oligomenorrea), nonché l’eventuale comparsa di acne e peluria.

    Ciò che distingue l’ovaio multifollicolare da quello policistico, comunque, è il numero delle cisti e la loro distribuzione. L’ovaio multifollicolare, infatti, a differenza di quello policistico, ha un minore numero di cisti (dalle 6 alle 10), ma che tendono ad essere più grandi, tanto da raggiungere i 10 mm.

    Le cisti, poi, si distribuiscono per tutto l’ovaio in modo sparso e non corticale.

    L’alterazione follicolare che si ha nell’ovaio policistico e in quello multifollicolare si verifica generalmente nelle fasi di intensi cambiamenti ormonali, come quelli della pubertà o della menopausa. Altre possibili cause possono essere anche: l’assunzione di contraccettivi orali, l’impianto della spirale uterina, ma anche gli sconvolgimenti ormonali dovuti alla gravidanza extrauterina.

    L’ovaio multifollicolare, in genere, non necessita di cure particolari. Si tratta, infatti, di un’alterazione innocua e che di solito regredisce spontaneamente. In ogni caso, si consiglia comunque di tenere le ovaie sotto controllo con delle visite ginecologiche e delle ecografie di routine. Non è necessario nemmeno seguire una dieta particolare in caso di ovaio multifollicolare, basterà seguire una normale alimentazione sana.
    Qualora l’ovaio abbia la tendenza ad essere policistico, invece, potrebbe anche essere prescritta la pillola contraccettiva, per garantire un riequilibrio ormonale. Infine, per chi soffre di ovaio multifollicolare, sembrano non esserci conseguenze sulla fertilità.
    Nella maggior parte dei casi, dunque, si tratta di un disturbo che si presenta in età giovanile e che non necessita di particolari terapie.

    622

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GinecologiaMalattieSalute
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI