Le più belle poesie d’amore di Edgar Allan Poe

Edgar-Allan-Poe
Edgar-Allan-Poe

Leggendo le più belle poesie d’amore di Edgar Allan Poe, vi accorgerete che il famoso scrittore non era solo un genio dell’horror ma anche un uomo sensibile, fragile, capace di amare senza limite alcuno, lasciandosi letteralmente travolgere dalla passione. Purtroppo, come molte menti geniali, è morto di stenti nella più amara desolazione, travolto per di più dal dolore per la morte della sua giovane moglie.

Eulalia

Dimorai solitario
in un mondo di pianto
e la mia anima era stagnante acqua,
finchè Eulalia gentile e bella divenne la mia sposa in rossore
finchè Eulalia dai capelli d’oro divenne la mia sposa in sorriso.

Ah, meno assai lucenti
le stelle notturne
che gli occhi della raggiante ragazza!
e mai un fiocco
che la bruma forma
con tinte porpuree e perlate di luna
possono col più negletto ricciolo della modesta Eulalia
possono col più umile e incondito ricciolo di Eulalia occhi lucenti aver paragone.

Or Dubbio or Pena
mai più ritornano,
perchè la sua anima mi rende sospiro per sospiro,
e lungo il giorno
splende luminosa e forte
Astarte in cielo,
mentre la cara Eulalia a lei volge e rivolge il suo occhio di matrona
mentre lei alla giovine Eulalia volge il suo occhio viola.

Un sogno dentro un sogno

Questo mio bacio accogli sulla fronte!
E, da te ora separandomi,
lascia che io ti dica
che non sbagli se pensi
che furono un sogno i miei giorni;
e, tuttavia, se la speranza volò via
in una notte o in un giorno,
in una visione o in nient’altro,
è forse per questo meno svanita?
Tutto quello che vediamo, quel che sembriamo
non è che un sogno dentro un sogno.

Sto nel fragore
di un lido tormentato dalla risacca,
stringo in una mano
granelli di sabbia dorata.
Soltanto pochi! E pur come scivolano via,
per le mie dita, e ricadono sul mare!
Ed io piango – io piango!
O Dio! Non potrò trattenerli con una stretta più salda?
O Dio! Mai potrò salvarne
almeno uno, dall’onda spietata?
Tutto quel che vediamo, quel che sembriamo
non è che un sogno dentro un sogno?

A Elena

La tua bellezza Elena è per me
Come quei legni di Nicea d’un tempo
Che adagio per un odoroso mare
Portavano lo stanco e tediato viaggiatore
Alla riva natia.
Per mari disperati abituato a errare,
i tuoi capelli di giacinto, il puro viso,
le grazie tue di Naiade mi hanno riportato
alla gloria che fu la Grecia
alla grandezza di Roma.
Ed ecco! Nella nicchia splendere
Simile ad una statua tu m’appari
Con la lampada d’agata in mano!
Ah Psiche, venuta da quelle regioni
Che sono Terra-Santa

A una in Paradiso

Eri per me quel tutto, amore,
per cui si struggeva la mia anima –
una verde isola nel mare, amore,
una fonte limpida, un’ ara
di magici frutti e fiori adornata:
e tutti erano miei quei fiori.
Ah, sogno splendido e breve!
Stellata speranza, appena apparsa
e subito sopraffatta!
Una voce del Futuro mi grida
<> – ma e’ sul Passato
(oscuro gugite!) che la mia anima aleggia
tacita, immobile, sgomenta!
Perche’ mai piu’, oh, mai piu’ per me
risplendera’ quella luce di Vita!
Mai piu’ – mai piu’ – mai piu’ –
(e’ quel che il mare ripete
alle sabbie del lido) – mai piu’
rifiorira’ un albero percosso dal fulmine,
ne’ potra’ piu’ elevarsi un’ aquila ferita.
Vivo, trasognato, giorni estatici,
e tutte le mie notturne visioni
mi riportano ai tuoi grigi occhi di luce,
a la’ dove tu stessa ti porti e risplendi,
oh, in quali eteree danze,
lungo rivi che scorrono perenni.

Vi sono piaciute le poesie di Edgar Allan Poe? Che ne dite di farvi una scorpacciata di romanticismo leggendo anche le più belle poesie d’amore di Neruda e le più belle poesie d’amore del tedesco Rainer Maria Rilke? Buona lettura!