Verginità: una crema indiana è in grado di restituirla….

da , il

    Verginità: una crema indiana è in grado di restituirla….

    La verginità oggi può essere riconquistata non soltanto facendo ricorso alla chirurgia estetica ma anche, più semplicemente utilizzando una crema innovativa, lanciata recentemente sul mercato in India. Il prodotto, dai presunti effetti sorprendenti, ha suscitato l’ira delle femministe, mentre i medici hanno espresso le loro perplessità riguardo alla sua efficacia.

    La crema commercializzata con il nome di ‘18 again’ (di nuovo 18 anni) dalla Ultratech, società farmaceutica con sede a Mumbai, è realizzata interamente con ingredienti di origine naturale: polvere d’oro, aloe vera, mandorle e melograno.

    I produttori ci tengono a precisare che il prodotto possiede proprietà tonificanti, in grado di agire sui muscoli della vagina, restituendo alla donna la sensazione di essere nuovamente vergine. Ovviamente non è in grado di restituire la verginità in senso anatomico.

    Queste le parole di Rishi Bhatia, presidente di Ultratech:

    ‘La crema non restituisce la verginità, ma è in grado di far provare di nuovo le emozioni di quando la donna era illibata’.

    Il lancio del prodotto è stato supportato da uno spot televisivo in perfetto stile Bollywood: una donna in sari con fare ammiccante comincia a danzare in maniera sensuale ed allusiva con il proprio partner e ad un certo punto gli sussurra all’orecchio: ‘Mi sento come una vergine…mi sento come la primissima volta’.

    La crema della verginità ritrovata ha un costo accessibile di 44 dollari e sembra già aver riscosso un discreto successo.

    Ma ovviamente non sono mancate le polemiche. Le donne indiane, soprattutto femministe, sono state le prime ad aver impugnato le armi della protesta.

    La strategia pubblicitaria in realtà ha sollevato un annoso problema radicato nella cultura indiana, ovvero il tabù del sesso prematrimoniale tuttora condannabile.

    Annie Raja della National Federation of Indian Women (Federazione nazionale delle donne indiane) ha dichiarato:

    ‘Questa crema è un nonsense e potrebbe causare un complesso di inferiorità in alcune donne. Anziché dar potere al sesso femminile, la crema potrebbe creare l’effetto opposto, riaffermando una visione patriarcale: la nozione che tutti gli uomini vogliono una donna vergine per la prima notte di nozze’.

    I medici e i ricercatori, dal canto loro, rimangono perplessi circa l’efficacia dell’ultimo ritrovato.

    A tal proposito, Nisreen Nakhoda, medico che lavora come consulente per la salute sessuale, su di un sito web indiano, sostiene:

    ‘Non so quanto una crema, che agisce localmente, possa di nuovo portare i muscoli della vagina alla tonicità che avevano all’età di 18 anni’.