Pasta senza glifosato, la migliore per te e per i tuoi figli: con 0 pesticidi | La scelgono in pochi

Pasta senza glifosato, dopo i vari allarmi che hanno a che fare con i prodotti ritirati in tutti i supermercati d’Italia e del mondo, oggi arriva una bella notizia per i consumatori.

Famiglia che magia pasta insieme
Famiglia che magia pasta insieme -Donna.nanopress.it

Ci sono varie marche, che propongono pasta senza glifosato e che si trovano in qualsiasi supermercato. Si tratta di marche comuni, che hanno lo stesso costo di tutte le altre, ma che garantiscono qualità ed eccellenza del prodotto.

Pasta senza glifosato-Donna.nanopress.it

Ricordiamo che il glifosato, viene utilizzato nella coltivazione del grano, è un derivato del diserbante. In Italia il suo utilizzo, è assolutamente vietato a seguito della direttiva europea che ne impedisce l’uso, nelle settimane precedenti alla raccolta.

Il glifosato, l’associazione AIRC lo definisce cancerogeno

L’associazione italiana per la ricerca sul cancro, definisce il glifosato, assolutamente cancerogeno e quindi pericoloso per la salute dell’uomo. Dall’Europa la classificazione è stata ‘probabilmente cancerogeno’, per questo motivo è arrivata la direttiva sull’utilizzo limitato.

Secondo l’oncologa Patrizia Gentilini, in realtà il glifosato provoca la morte cellulare e la necrosi, quindi è pericolosissimo. In Austria, è totalmente vietato, eppure proprio come succede in Italia, la pasta al glifosato continua ad essere presente negli scaffali dei negozi.

La differenza tra il grano italiano e quello del Canada

Il grano italiano, non dovrebbe contenere minima traccia di glifosato, eppure Coldiretti ha informato i consumatori, che a seguito di analisi condotte su alcuni tipi di pasta, di marche ben precise, è venuto fuori che ne contengono tracce seppur minime. Per questo motivo bisogna fare attenzione alla consumazione e agli acquisti.

Pasta senza glifosato-Donna.nanopress.it

Tante aziende, ancora oggi omettono le indicazioni sulla provenienza del grano. Sulla confezione scrivono che si tratta di un prodotto italiano, il che è vero. Questo però significa soltanto che la pasta è stata prodotta in Italia, ma che il grano non è certo che provenga dal nostro territorio.

Infatti, soltanto in fase di analisi, si scopre che la pasta contiene tracce di glifosato, per cui probabilmente il grano proviene da zone in cui è l’uso seppur limitato, non è vietato. Il grano usato per produrre la nostra pasta quindi potrebbe provenire dal Canada, dato che l’Italia si rifornisce spesso da questo Stato.

Qual è la pasta migliore, consigliata, per la consumazione

Per questo motivo, si consiglia di acquistare la pasta senza glifosato, in particolare gli spaghetti, prodotta in Italia, con la garanzia del grano italiano, che sia peraltro grano duro piuttosto che tenero. Anche controllare la percentuale delle proteine che fornisce la pasta, è importante, perché indica se il prodotto è di qualità o meno.

Pasta senza glifosato-Donna.nanopress.it

Si consiglia inoltre di scegliere pasta bio, che dà una maggiore garanzia di sicurezza e di qualità, oppure integrale perché contiene più fibre e fa bene all’organismo. Per avere migliori prestazioni in cottura, è meglio acquistare la pasta al bronzo o al metallo, con essiccazione naturale a 50 o 55 gradi al massimo.

Ecco qual è la pasta che non contiene glifosato e quella che ne presenta tracce minime

La pasta che segue è quella in cui non sono state trovate tracce di glifosato, neppure minime. Si tratta della pasta Felicetti bio, degli spaghetti bio di Alce Nero, della pasta De Cecco, della Tre mulini, Coop Vivi Verde spaghetti bio, la Libera Terra, gli spaghetti della Barilla, la pasta Granoro.

Pasta senza glifosato-Donna.nanopress.it