Festa della mamma: le filastrocche più belle per bambini

filastrocche
filastrocche

Per la Festa della mamma i bambini possono dedicare tante bellissime filastrocche! Ce ne sono davvero molte, di autori più o meno famosi. I bambini, poi, amano recitare questi piccoli componimenti perché in questo modo imparano nuovi termini e familiarizzano con sillabe e lettere, specie quando sono piccoli e ancora non sanno parlare bene. Per la Festa della mamma, quindi, proponete ai più piccoli le filastrocche o le poesie dedicate a questa ricorrenza; utilizzatele anche per arricchire un regalo speciale e quindi un piccolo biglietto.

Per la mamma, di Gianni Rodari

Filastrocca delle parole:
si faccia avanti chi ne vuole.
Di parole ho la testa piena,
come dentro ‘la luna’ e ‘la balena’.
Ma le più belle che ho nel cuore,
le sento battere: ‘mamma’, ‘amore’.

La poesia e la rosa, di Zia Mariù

Ho pregato un fioraio
di portarti una rosa,
quella piu’ bella, la piu’ profumosa.
Lui m’ha detto pur’ di scriver ‘na poesia
da dedicar alla mammina mia.
Ma di parole tre sol’ me ne sovviene,
cosi’ ti scrivo solo: ti voglio bene!

Alla mamma, di Roberto Fontana

Con due sillabe soltanto
posso avere
il mondo in mano
quando è sera e mi racconti
una fiaba sul divano.
E se il mattino con un bacio
mi risvegli dalla nanna,
tutto è più dolce
con te, mamma.

La mamma, di Roberto Piumini

Due braccia che m’abbracciano,
due labbra che mi baciano,
due occhi che mi guardano,
e mani che accarezzano
e sento un buon odore
e sento un bel sapore:
la mamma e’ questo per me
e molto altro ancora:
la mamma e’ una dolcissima signora.

Mi ha fatto la mia mamma, di Gianni Rodari

Persone male informate
O più bugiarde del diavolo
Dicono che tu sei nato
Sotto a una foglia di cavolo!
Persone male informate
O più bugiarde del diavolo
Dicono che sono nato
Sotto a una foglia di cavolo!
Altri maligni invece
Sostengono senza vergogna
Che sei venuto al mondo
A bordo di una cicogna!
Altri maligni invece
Sostengono senza vergogna
Che sono venuto al mondo
A bordo di una cicogna!
Se mamma ti ha comperato
Come taluni pretendono
Dimmi: dov’è il negozio
Dove i bambini si vendono?
Se mamma mi ha comperato
Come taluni pretendono
Diteci: dov’è il negozio
Dove i bambini si vendono?
Tali notizie sono
Prive di fondamento:
Ti ha fatto la tua mamma
E devi essere contento!
Tali notizie sono
Prive di fondamento:
Mi ha fatto la mia mamma
E sono molto contento!
Tali notizie sono
Prive di fondamento:
Mi ha fatto la mia mamma
E sono molto contento!
E sono molto contento!

Auguri mamma, di E. Ottaviani

Se io fossi, mamma, un uccellino
Che vola nel cielo profondo
Vorrei offrirti il mio canto
più dolce, soave, giocondo.
Se io fossi, mamma, una stella
Che brilla nel bruno firmamento
Con more e baci a cento a cento.
Ma essendo solo un bambino
E non avendo che il cuore,
ti voglio stare vicino
per dirti tutto il mio amore.

La mamma, di Rosa Agazzi

Quando mi sveglio
ogni mattina sai tu chi vedo?

La mia mammina.

China, ridente sopra il lettino dice:
‘C’è ancora il mio bambino?

Non t’han rapito i sogni d’oro?

Resta alla mamma il suo tesoro?
’
Rido, io allora dico:
‘Sì, sì sempre con mamma io resto qui!’

Le mie mani per la mamma, di Annalisa Roma

Con le mie mani seppur piccoline,
tantissime cose io posso fare.
Le posso battere, le posso guardare
delle carezze io posso dare.
E oggi, mamma, che è la tua festa,
le mie manine ti voglio donare.
E ora mi metto le mani sul cuore
Per dimostrarti il mio grande amore.
E con le mani ti mando un bacino
Stringimi forte e stammi vicino.

Regalo per la mamma, di Manuel Florianna

Cosa a mammina regalerò
per la sua festa ancora non sò,
forse un castello le piacerà?
un principe no… ha già papà!

Accompagnate le poesie con dei lavoretti fai da te per la Festa della mamma oppure preparatele una bella ricetta semplice da fare con il Bimby!