10 cose da sapere sulla ninfomania

da , il

    10 cose da sapere sulla ninfomania

    Tempo fa va avevamo presentato un semi-serio elenco di cose che sono meglio del sesso: se non vi ha convinto e per voi fare l’amore resta il primo dei piaceri vi dedichiamo allora questo approfondimento sulla ninfomania, ovvero la dipendenza dal sesso. Su questa malattia, perché tale va considerata, si è detto molto e spesso ironicamente, ma in realtà è una dipendenza seria quanto quella dall’alcol, dalle droghe, dallo shopping etc. La ninfomania è dunque un disturbo serio e come tale va trattato. In questa sede però vi presentiamo un elenco, ancora semiserio, di dieci cose che forse non sapete sulla ninfomania.

    10. Un affare da donne

    Molti uomini si autodefiniscono ironicamente ninfomani per giustificare la loro tendenza al tradimento ma in realtà le ninfomani possono essere solo donne. Il termine tecnico per definire la dipendenza maschile dal sesso è satiriasi. Il motivo per cui questo termine è andato perso mentre tutti conoscono la ‘ninfomania’ è perché, nelle fantasie erotiche maschili, è eccitante l’idea di una donna che non può fare a meno del sesso. E del resto in un uomo tradizionalmente, secondo una mentalità maschilista, la dipendenza dal sesso è stata da sempre tratta con minore serietà.

    9. Troppe cose buone rendono ninfomani?

    Il libro ‘Ninfomania. La storia’ descrive appunto l’evolversi dell’approccio con questo disturbo. In particolare incuriosisce la teoria di alcuni dottori in epoca Vittoriana che ritenevano che eccedere nei piaceri e nel consumo di ‘cose buone’ potesse portare alla ninfomania. Così ad esempio mangiare troppa cioccolata, masturbarsi, leggere romanzi e novelle e perfino guardarsi troppo a lungo allo specchio: tutto poteva rischiare di stimolare il piacere femminile.

    8. E’ una questione di testa

    Lo stesso libro citato sopra racconta che, sempre in epoca Vittoriana, si associava una testa grande ad un desiderio sessuale non equilibrato.

    7. Le ninfomani di ieri sono le dipendenti dal sesso di oggi

    Tecnicamente il termine ninfomane non è più accettato dalla medicina moderna a causa della vaghezza dei criteri di identificazione. Chi può dire quando il desiderio sessuale è oltre la norma? Già perché la ninfomania presuppone una ricerca del piacere ‘anormale’ e non va confusa con la semplice ‘fissazione’ con il sesso. Statisticamente solo l’8% degli uomini e il 3% delle donne sono sessualmente dipendenti.

    6. La ninfomania è una malattia

    La ninfomania è una malattia: questo è un dato certo. Ma che tipo di disturbo è? E’ genetico o può essere provocato da un evento traumatico? Qualche tempo fa ad esempio una donna giurava di essere diventata ninfomane dopo un incidente con la pedana della Wii.

    5. Le ninfomani non sono fidanzate facili da soddisfare

    Quanti uomini, di fronte all’ennesimo ‘mal di testa’ della propria partner, ironizzano dicendo che vorrebbero una fidanzata ninfomane? Ma in realtà, fantasie a parte, avere una ragazza ninfomane non è facile.

    4. La ninfomania è un peccato

    Essere religiose e ninfomani allo stesso tempo non è facile: la Bibbia infatti condanna la ricerca del piacere, figuriamoci quella smisurata e anormale! Nel web esistono siti religiosi che ‘aiutano’ le donne ninfomani a guarire dalla loro dipendenza. Ma l’efficacia scientifica dei metodi non è provata.

    3. La Ninfomania non è un peccato

    Alfred Kinsey ha detto ‘l’unico sesso innaturale è quello che non viene fatto’. Esistono perfino alcuni credo religiosi che vedono la ninfomania una strada per celebrare il matrimonio o redimersi dal peccato.

    2. Non è sempre un ‘piacere’

    Ricercare continuamente il piacere non è sempre un piacere. A parte il gioco di parole significa che questa condizione può essere imbarazzante e disagevole. Un dato da non sottovalutare è che il 60% dei soggetti con questo problema ha subito abusi sessuali durante l’infanzia.

    1. Le ninfomani non provano mai piacere nel fare sesso?

    Sembra un controsenso perché sappiamo che le ninfomani sono proprio alla ricerca continua dell’orgasmo. Ma pensatela così: se siete spinti dal bisogno incontrollabile e ossessivo di fare qualcosa riuscite a godervelo?