Amore finito? Attenti alle foto degli ex

da , il

    Amore finito? Attenti alle foto degli ex

    L’amore, come dice un vecchio film, è eterno finché dura. Quando un amore purtroppo finisce c’è uno dei due che istintivamente vive nel ricordo del passato, nella venerazione del proprio ex, da un lato, mentre dall’altro, quello razionale, vorrebbe fare di tutto per dimenticare. Ma anche questo, si sa, non è affatto facile.

    Si, perché, basta una semplice fotografia a far mandare all’aria tutti i buoni propositi. La colpa è del cervello che creando una sofferenza nell’innamorato lo rende capace di comportamenti ossessivi tipici dei tossicodipendenti. Questo meccanismo è stato oggetto di studio di un gruppo di ricercatori dell’Università di New York che ha spiegato che se si è ancora innamorati della propria ex o del proprio ex e capita di rivedere una sua foto, si attivano le aree legate al desiderio all’interno del proprio cervello, al pari di una dipendenza da droghe e dal dolore. Insomma si va in astinenza dal proprio amato e risulta difficile andare avanti. Sempre secondo questi studi sono stati analizzati tramite una risonanza magnetica il cervello di 15 studenti di college, 10 donne e 5 uomini, abbandonati da due mesi dopo un rapporto durato almeno due anni. Guardando le foto dei propri ex si riaprivano le ferite del cervello e queste persone entravano in uno stato di alterazione e dipendenza al pari di quella da sostanze stupefacenti. Quello che risulta da questa ricerca, dunque, è che in questo modo si attivano tutte le zone neurali associate al desiderio e tutte quelle parti del cervello implicate nell’amore e nel dolore. Dalle osservazioni si è visto che questo dolore può ripresentarsi anche dopo tanto tempo essersi lasciati, spesso nel momento in cui ci si ritrova a chiedersi il motivo della fine della relazione. Non sorprende dunque che la risonanza magnetica abbia rivelato che chi è stato abbandonato tende a mantenere attive per molto tempo queste aree celebrali. E’ per questo che l’ex innamorato resiste nel cuore di chi ha subito una delusione e lo aiuta a star bene. Ecco perché una rottura è difficile da superare al pari di una disintossicazione da una droga. Questo meccanismo è lo stesso che si attiva nei casi di stalking, omicidio e suicidio, e la depressione associata al rifiuto e alla perdita di un amore.