Capelli perfetti in 7 mosse

da , il

    Capelli perfetti in 7 mosse

    Volete capelli perfetti? Ricorrete a numerosi rimedi, come shampoo costoso, maschere di parrucchiere professionisti e altri trucchetti per cercare una chioma brillante e sana? Beh sappiamo che ci vogliono solo 7 mosse per avere sempre i capelli a posto, sani e luminosi. Spesso senza rendercene conto commettiamo errori, e il nostro impegno non dà quindi il risultato sperato. Segnatevi queste 7 regole e vedrete che avere capelli da star non è poi così difficile.

    1- Shampoo e balsamo

    Il primo passo per prendersi cura dei capelli è sapere come lavarli. Bagnate i capelli con acqua tiepida, mai calda. Mettete la giusta quantità di shampoo tra le mani, scaldatelo strofinandole tra loro e poi posatelo sulla cute massaggiando con movimenti circolari. Il massaggio va fatto coi polpastrelli partendo dalla nuca, passando prima ai lati e poi salendo fino alla fronte. Risciacquate abbondantemente con acqua tiepida. Dopodichè applicate il balsamo solo sulle estremità e lasciatelo in posa 5 minuti. Nella scelta dello shampoo, meglio prediligere il prodotto più delicato. Il balsamo invece va scelto a seconda del tipo di capelli: sottili o spessi, lisci o ricci, colorati o devitalizzati. Basta leggere le indicazioni sulla confezione.

    2- Frequenza dei lavaggi

    Quanto spesso dobbiamo lavarci i capelli senza stressarli? Per non seccare la capigliatura, evitate di lavarli ogni mattina, è infatti sufficiente farlo a giorni alterni, massimo 3 volte alla settimana. Se fate la messa in piega o ricorrete spesso alla piastra, ogni 7 giorni conviene applicare un balsamo molto nutriente. Se avete capelli colorati, dovete ricorrere a maschere per capelli ristrutturanti e nutrienti almeno un paio di volte alla settimana.

    3- Come asciugare i capelli

    In teoria, sarebbe meglio far asciugare i capelli in modo naturale, ma questo è possibile solo in estate e non per tutte, causa chioma ribelle. Quindi, il primo passo per asciugarli in modo più veloce è tamponarli con un asciugamano, senza strofinare! Poi passate al phon che deve sempre rimanere a una distanza minima di 15 cm. Una mossa importante è non tenerlo mai fisso su un punto. Muovetelo da destra verso sinistra, dall’alto verso il basso. Un’altra mossa utile è togliere il beccuccio e mettersi a testa in giù. Per quanto riguarda la quantità di calore, non vanno superati i 130° C per i capelli sottili e i 200° per quelli spessi.

    4- Come spazzolarli e piastrarli

    Una volta apprese le regole sull’uso del phon, bisogna imparare qualche trucchetto sulla messa in piega. Per ottenere la pettinatura desiderata, è meglio modellare la chioma solo con le dita, fino a quando non sarà asciutta all’80%. Sarà quindi il momento di utilizzare la spazzola che dovrebbe essere di setole di cinghiale, meno invasiva e garantisce migliori risultati. Non utilizzate quelle di plastica che elettrizzano troppo i capelli. Se il vostro problema è l’effetto crespo, vi conviene ricorrere a dei prodotti a base di silicone. Per quanto riguarda l’utilizzo della piastra, bisogna asciugare sempre perfettamente la capigliatura prima di passare il ferro caldo. Ricorrete sempre a modelli in ceramica, perché questo materiale distribuisce il calore in modo uniforme e danneggia meno la chioma. Altra mossa utile è l’utilizzo dello spray dermoprotettivo prima di usare la piastra, in modo da proteggere il capello dal calore eccessivo.

    5- Scelta del gel o della spuma

    Cosa scegliere? Dipende dal vostro tipo di capelli. Il gel è adatto ai tagli corti. Cercate però di non essere troppo generose con le dosi per evitare l’effetto innaturale. Il gel va steso sulle punte e modellato a seconda della pettinatura che si desidera ottenere. Se invece avete i capelli lunghi, allora ricorrete alla spuma. Va applicata sulla chioma leggermente umida. Per ottenere più volume, poi, basta asciugare la capigliatura a testa in giù. Se invece si opta per un effetto naturale, bisogna mettere la spuma sulle singole ciocche e poi lasciarle asciugare all’aria. Per chi ha già ricci voluminosi, ma li preferirebbe più definiti, la soluzione è distribuire la spuma dalle radici alle punte massaggiando delicatamente con movimenti circolari a testa in giù.

    6- Capelli colorati

    La tinta richiede attenzione. Innanzitutto, fate la colorazione solo una volta al mese, per sfuggire ai danni causati dalle sostanze chimiche che si trovano nelle tinture. Poiché la ricrescita si vede sulle radici, bisogna lasciare agire il colore più lì che sulle punte, dove invece resiste bene. Per evitare lo sbiadimento del colore appena fatto, occorre non lavare la capigliatura per 3 giorni e utilizzare sempre e solo prodotti che non intaccano la tonalità prescelta.

    7- In caso di emergenza

    Può capitare di finire un prodotto per capelli e non sapere come fare. Per rimediare ai capelli secchi, è utile un impacco di olio d’oliva tiepido. Va massaggiato qualche minuto e poi lasciato agire per mezz’ora, poi si procede con un normale lavaggio. Se al contrario si vuole ovviare ai capelli grassi, si possono sciogliere 2 cucchiaini di sale in un litro di acqua bollente. Dopo che si è raffreddato, va passato sui capelli appena lavati prima dell’ultimo risciacquo. Inoltre, come abbiamo visto in numerosi articoli, ci sono moltissime maschere fai da te facili da preparare e davvero efficaci!