Come insegnare ai bambini a nuotare

da , il

    Come insegnare ai bambini a nuotare

    Come insegnare ai bambini a nuotare? Molti genitori se lo chiedono con l’arrivo della bella stagione. Non è facilissimo, ma alcuni consigli permettono di far capire ai bambini come fare e contemporaneamente evitare i pericoli possibili. Ovviamente, se i bambini hanno anche paura dell’acqua, bisognerà preventivamente agire anche su questa fobia.

    Per insegnare ai bambini a nuotare occorre, anzitutto, un buon grado di sicurezza in ciò che si spiega. Nello stesso tempo occorre lodare i bambini quando fanno bene. Sicuramente, poi, bisogna anche armarsi di pazienza perché si tratta di un percorso non sempre facile. Sarebbe utile, in questi casi, anche procurarsi degli strumenti che aiutino i bambini a familiarizzare con l’acqua e il nuoto. Le tavolette galleggianti, ad esempio, sono ottime per questo scopo. Ma, per i bambini di 3-4 anni, è meglio iniziare con dei tubi galleggianti per poi progredire alla tavoletta una volta che avranno abbastanza padronanza nell’avanzare con i tubi. I tubi, le tavolette e i manubri galleggianti costituiscono tutta l’attrezzatura adatta per iniziare a nuotare!

    Altro consiglio è quello di rendere questa esperienza divertente. Diversamente i bambini si annoiano e non imparano! Quando vi sentirete abbastanza sicuri e il vostro bambino avrà preso sufficiente confidenza con l’ambiente, potrete immergervi insieme a lui. Per prima cosa, tenete le vostre mani sotto le sue ascelle e lasciatelo libero di muovere e scalciare con le gambe. Spiegate, quindi, al vostro bambino che in acqua è necessario muovere gambe e braccia per sostenersi e rimanere a galla.

    Successivamente, girate il bambino a pancia sotto (sostenendolo con le vostre mani) e insegnategli a sbattere i piedi e muovere le braccia con movimenti ampi e lenti. Non dovrete essere impazienti ed avere fretta. Ogni bambino ha i suoi tempi perciò dovrete aspettare pazientemente che il bimbo vi chieda, di sua iniziativa, di essere “lasciato”, per provare da solo a stare a galla. Dovrete rimanere vicini a lui, rassicurandolo e incoraggiandolo. Mostrate voi stessi con l’esempio tutti i movimenti giusti da eseguire e seguite i consigli per far superare la paura dell’acqua. L’età giusta per imparare, comunque, si aggira intorno ai cinque anni.

    Con i neonati, invece, provate i corsi di acquaticità!