Educazione dei gemelli: consigli per mamma e papà

da , il

    Educazione dei gemelli: consigli per mamma e papà

    Se per la mamma la dolce attesa vale doppio, se in arrivo ci sono i gemelli anche le gioie raddoppiano. Emozioni amplificate, ma anche dubbi e preoccupazioni. Come scegliere l’educazione migliore? Niente paura, anche se il lavoro dei genitori si fa ancora più difficile, quando in casa arrivano due gemelli, con i consigli giusti mamma e papà possono farcela.

    Coppia di gemelli, ma non troppo

    I gemelli sono uniti da un legame profondo, sin dal pancione della mamma. Un legame importante, che non va sottovalutato, anzi, va stimolato e coltivato dai genitori. Ma senza esagerare: perché pur essendo parte di un “duo”, i gemelli rimangono comunque due individui distinti, con caratteristiche, propensioni ed esigenze distinte.

    Viva la coppia, ma anche l’individuo: mamma e papà devono aiutare i gemelli a vivere la loro condizione come un dono prezioso, non come una costrizione che ne limita la libertà di espressione individuale.

    E a scuola?

    Meglio in classi separate, fin dalla scuola dell’infanzia, per permettere ai gemelli di affermarsi come individui. Se, invece, il distacco è troppo traumatico, complice anche l’inizio della prima avventura lontana dai genitori, si può rimandare la separazione alla scuola elementare. In questo caso, però, mamma e papà devono raccomandare alla maestra di trattare i gemelli come due persone distinte.

    Per far accettare meglio il distacco ai piccoli, i genitori devono abituarli gradualmente all’idea, spiegando loro l’importanza di frequentare classi diverse a scuola per intraprendere percorsi differenti, per fare nuove amicizie. Fondamentale far capire ai bambini che frequentare classi diverse non intacca il loro rapporto o l’affetto che li lega, può essere, ma che, al contrario, può essere un ottimo modo per rafforzare la loro unione.

    Consigli pratici

    Nomi diversi, anzi, diversissimi. Mamma e papà devono cominciare fin da subito e fin dal nome a distinguere i gemelli. Meglio evitare anche di rivolgersi a loro con appellativi di coppia, come “i gemelli”.

    Le amicizie. Se è sano che i fratelli siano anche amici, è altrettanto augurabile che i gemelli instaurino amicizie al di fuori del nucleo famigliare.

    No ai vestiti coordinati, ma non solo. Un no deciso anche a giocattoli, libri e regali coordinati: prima di essere gemelli sono due individui con gusti, preferenze e propensioni diverse, che mamma e papà devono assecondare non uniformare ai propri desideri. I giocattoli in comune sono un bene, come in ogni altra famiglia, ma i regali per feste e compleanni dovrebbero essere differenti.