Cosa mangiare la sera per dormire bene: consigli e strategie

da , il

    Cosa mangiare la sera per dormire bene: consigli e strategie

    Cosa è opportuno mangiare la sera per dormire bene? Ecco qualche consiglio per affrontare la notte nel migliore dei modi. Chi soffre di insonnia non esita a sperimentare ogni strategia nel tentativo di carpire il segreto di Morfeo, tuttavia anche per chi solitamente il sonno non costituisce un problema qualche regola salutare nella dieta può essere la strategia giusta per dormire bene. Spesso i disturbi del sonno dipendono dallo stress, tuttavia il cibo può essere di grande aiuto per dormire bene. Coldiretti di recente si è cimentata in un piccolo vademecum, poiché per favorire il sonno è di estrema importanza scegliere gli alimenti giusti. Ecco le indicazioni dei medici dell’Associazione Italiana di Medicina del Sonno.

    Per il benessere dell’organismo dormire è di fondamentale importanza, per questo evitare i disturbi del sonno con una corretta alimentazione appare una potente strategia.

    Addormentarsi a digiuno o eccessivamente sazi costituisce in entrambi i casi un pericolo: ricordatevi di cenare tra le 19 e le 20.30 e terminare il pasto con una passeggiata o un momento dedicato alla lettura, attività che concilieranno il relax prima del riposo notturno.

    Di sera andrebbero evitati alimenti come cioccolato, cacao, caffè e tè per la presenza di sostanze stimolanti, senza contare i superalcolici, perché al contrario di quanto generalmente si creda l’alcol a lungo termine inibisce il sonno.

    Bisognerebbe evitare anche i cibi eccessivamente contenenti sodio, come gli alimenti in scatola. L’utilizzo di spezie quali curry, pepe e paprika sarebbe da preferire in occasione del pranzo, così come il consumo di patatine in sacchetto, salatini e piatti nei quali sia stato utilizzato dado da cucina.

    Cosa bisogna mangiare di sera per dormire bene? Pasta, riso e cereali come orzo o farro sembrano costituire un toccasana per l’organismo grazie alla presenza di un aminoacido, il triptofano, il quale favorirebbe la sintesi della serotonina, neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento.

    Potete assumere zuccheri semplici, come la frutta dolce di stagione, nonché una mdoesta quantità di semi oleosi, legumi, uova bollite, carne, pesce e formaggi freschi.

    Tra le verdure sono da preferire lattuga, radicchio rosso, cipolla e aglio, secondo le ultime ricerche mediche ricche di proprietà sedative in grado di conciliare il sonno, così come zucca, rape e cavoli.

    La vecchia abitudine di un bicchiere di latte caldo prima di andare a letto è stata rivalutata dalla scienza poiché aiuterebbe a diminuire l’acidità gastrica. Dunque, consumate, seppur con parsimonia, formaggi freschi e yogurt, che costituisce anche un dessert saporito e leggero.

    Allergici al latte? Una tisana addolcita con un cucchiaio di miele sarà il perfetto preambolo per l’appuntamento con il cuscino.