Ivana Spagna: volevo suicidarmi

da , il

    Ivana Spagna: volevo suicidarmi

    Volevo suicidarmi‘ ecco la rivelazione shock di Ivana Spagna, che nella sua autobiografia, di prossima uscita, si racconta rivelando lati inediti della sua vita, che ha attraversato momenti di incomparabile magia e successo e, come in ogni esistenza, lati oscuri. Il nuovo libro autobiografico di Ivana Spagna, che negli anni Ottanta e Novanta è emersa con il brio e l’affascinante bellezza di icona pop, raccoglie pensieri, eventi e meditazioni di una delle voci più vibranti del panorama musicale italiano. ‘Quasi una confessione!… Tutto quello che non ho mai detto’ ha spiegato Ivana Spagna riguardo al progetto, che lascia aperti spiragli, vividi e sinceri, su latimi intimi della sua privacy. La cantante ha ammesso che scrivere il libro ha rappresentato una liberazione: l’autobiografia sarà dedicata ai genitori, che in tutti questi anni hanno mostrato uno strenuo impegno ed amore verso Ivana ed il fratello. Al riguardo l’artista ha esclamato: ‘Il più bel regalo che la vita mi abbia fatto’. Tuttavia, anche in una vita densa di amore e successo, non mancano i momenti di fragilità e dolore: una pagina dopo l’altra, Ivana Spagna svela di aver meditato il suicidio durante un difficile momento legato alla depressione, malattia che sappiamo essere subdolamente connessa alle emozioni più profonde.

    ‘Ho perso entrambi i genitori per un tumore, lavoravo ma stavo cadendo in un baratro’ ha raccontato la celebre cantante italiana Ivana Spagna, aggiungendo: ‘Quando si parla di disperazione e di persone che vogliono farla finita si immagina che uno si butti sotto un treno o faccia qualche follia, io invece avevo organizzato tutto, avevo pulito la casa, era tutto perfetto. Doveva avvenire sotto la doccia. Avevo organizzato tutto con lucidità e tristezza’.

    La cantante rivela che aveva elaborato un piano ben preciso, ma al momento di realizzare il folle progetto si è resa conto che avrebbe fatto del male solo alle persone che le volevano bene.

    Dalla consapevolezza di questo attimo tragico emerse la ricetta di vita che permise a Ivana di riprendersi dal difficile periodo di una depressione che, come sappiamo colpisce in particolare l’universo femminile, minando il benessere e la felicità del quotidiano.

    La depressione è in aumento anche tra gli uomini, ma mostra una maggior incidenza tra il genere femminile, con casi legati ad ansie e un malassere che in toni più o meno gravi può arrivare a paralizzare la normale routine.

    Un’ulteriore confessione di Ivana Spagna contenuta nell’autobiografia riguarda il matrimonio lampo con un produttore francese che stava frequentando da otto anni.

    Infatti prima della cerimonia, l’artista aveva consultato una veggente che le sconsigliò di sposarsi, poiché le nozze sarebbero durate solo una settimana. Ivana Spagna non le diede ascolto, ma la premonizione si rivelò esatta: un aneddoto decisamente curioso.

    Dall’infanzia, trascorsa in povertà al successo degli anni Ottanta nel mondo della musica, l’autobiografia di Ivana Spagna si immerge nella vita di questa interprete di successo e nei retroscena più toccanti di un’artista che è donna, essere umano pensante e desiderante: intricata geometria di un’anima che vaga alla ricerca di un senso.