Nuovi livelli essenziali di assistenza: le principali novità

Nuovi livelli essenziali di assistenza: le principali novità
da in Salute
Ultimo aggiornamento:
    Nuovi livelli essenziali di assistenza: le principali novità

    Migliaia di prestazioni gratuite o con ticket per i cittadini italiani, garantite dal servizio sanitario nazionale. E’ il risultato di un grande lavoro tecnico per l’aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza, che porta diverse novità …e che non avveniva da 15 anni.
    E’ stata, inoltre, costituita la Commissione nazionale per l’aggiornamento dei LEA, necessaria per l’update continuo e l’esclusione di eventuali servizi obsoleti negli anni. A breve si avrà la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ma si parla già in modo diffuso dei grandi cambiamenti in arrivo evidenziati dal ministro della Salute Lorenzin. Nuovi vaccini gratuiti, esami e visite specialistiche, ma anche l’eclatante inserimento della fecondazione assistita. Ecco le principali novità.

    Verranno introdotte nuove vaccinazioni gratuite previste dal Piano Nazionale della Prevenzione Vaccinale 2017-2019. Si aggiungono, quindi, i vaccini contro meningococco B, rotavirus e varicella nei nuovi nati. Il vaccino contro il papilloma virus adesso viene esteso anche ai maschi (all’età di 11 anni). Per i 65enni, invece, arrivano il vaccino antinfluenzale, l’antipneumococco e il vaccino contro il fuoco di S’Antonio.

    Grande ampliamento dell’elenco delle malattie rare: più di 110 nuovi inserimenti tra malattie singole e gruppi. Tra queste, ad esempio, la sclerosi sistemica progressiva e la miastenia grave. Per quanto riguarda le malattie croniche, sono state introdotte sei nuove patologie che potranno beneficiare dell’esenzione: sindrome da talidomide, osteomielite cronica, patologie renali croniche, rene policistico autosomico dominante, endometriosi negli stadi clinici “moderato” e “grave”, broncopneumopatia cronico ostruttiva moderata, grave e molto grave. Le visite e gli esami di chi soffre di tali patologie saranno dunque gratuite e basterà presentare all’ASL la certificazione che attesti la patologia. Altra novità interessante è che alcune malattie considerate “rare”, come la celiachia, verranno spostate tra le malattie croniche. Purtroppo i primi accertamenti, necessari alla diagnosi della celiachia, non saranno più gratuiti, ma bisognerà pagare un ticket.

    Tante novità anche per le future mamme: è stato infatti aggiornato e arricchito l’elenco degli esami erogati gratuitamente. Tra questi, ad esempio, l’ecografia con la misurazione della translucenzanucale, i test di screening e l’urinocoltura.

    L’ecografia del terzo trimestre verrà eseguita, invece, solo in presenza di fattori di rischio. Novità anche per amniocentesi e per la villocentesi, che saranno gratuiti o meno in base all’esito dei test di screening.

    Entra a far parte dei livelli essenziali di assistenza anche la fecondazione assistita. Alle coppie verrà richiesto il pagamento di un ticket con prezzi diversi in base alle regioni, ma si potrà decidere di sottoporsi al trattamento di fecondazione assistita anche in una diversa regione rispetto alla propria. Le regioni, comunque, garantiranno tutte le prestazioni necessarie nelle diverse fasi, anche in regime ambulatoriale.

    Aggiornato anche l’elenco degli ausili e delle protesi fornite ai disabili gratuitamente dalle ASL. Tra questi carrozzine elettriche e apparecchi acustici digitali .

    Il medico di famiglia non potrà più prescrivere test allergologici e genetici (anche quelli pregravidanza) ma sarà necessario che vengano prescritti da uno specialista. Ciò comporterà uno step ulteriore e il pagamento di un ticket.

    686

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Salute
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI