Vene varicose addio, corri in cucina: gambe da 20enne con 2 ingredienti | Ti invidieranno tutte

Le vene varicose possono trovarsi su qualunque parte del corpo, spesso però sono maggiormente presenti sulle gambe.

Vene varicose ingrediente cucina
Vene varicose ingrediente cucina – Donna.nanopress

Si tratta di vene dilatate, in rilievo, che danno sensazione di dolore e pesantezza, spesso si associano anche a gonfiore o addirittura nei casi più estremi agli edemi.

La causa delle vene varicose, può essere la predisposizione familiare, lo squilibrio ormonale, il cambiamento fisiologico dato per esempio dalla gravidanza, dalla pubertà o dalla menopausa, il sovrappeso, la circolazione faticosa o lenta, l’alimentazione sconnessa, la troppa o poca attività fisica.

Vene varicose, le soluzioni più adeguate al problema

Questo ci fa capire che ogni piccolo cambiamento errato o qualunque cattiva abitudine, può far soffrire le vene e far nascere le vene varicose. Nella maggior parte dei casi, la causa è il sovrappeso, oppure lo stare troppo in piedi o troppo seduti. Insomma tutte le scelte scorrette, anche a livello di calzature o di abbigliamento. Tutto questo si associa inevitabilmente alla ritenzione idrica e quindi alla cellulite.

Vene varicose-Donna.nanopress.it

Le vene varicose, possono essere curate con i farmaci, nei casi più gravi si può intervenire chirurgicamente, in modo tale da prevenirle o ridurle più possibile.

Quando però, si sono manifestate da poco e quindi si vuole evitare di prendere medicine o intervenire in modi eccessivamente invasivi, si può chiedere aiuto a dei prodotti naturali, che non fanno male alla salute, che non costano molto e che possono rivelarsi una delle soluzioni, soprattutto se una volta capito qual è la causa scatenante, si cambiano abitudini in fretta.

Interventi rapidi, semplici e naturali, ecco un esempio

Uno dei prodotti naturali, che si rivela essere un vero e proprio toccasana è l’olio essenziale di mandorle, efficace perché ha tante proprietà antiossidanti. Dopo averlo preparato o acquistato già pronto, si strofina direttamente sulla pelle, in particolare sulla zona interessata dalle vene varicose.

Vene varicose-Donna.nanopress.it

Questo, aumenta il flusso del sangue nella zona interessata e quindi aiuta a migliorare la circolazione e a ridurre il gonfiore. L’olio di mandorle, può essere usato così com’è da solo oppure in associazione ad altri ingredienti miracolosi come il pepe di Cayenna.

Bastano 125ml di olio di mandorla, versati direttamente dentro una ciotola di vetro e un cucchiaio pepe di Cayenna. Si mescolano insieme, sono tanto efficaci, perché in particolare il pepe è un trattamento miracoloso, che migliora la circolazione sanguigna. tonifica le vene e ne migliora l’aspetto fin dal primo utilizzo.

L’utilità del pepe di Cayenna e dell’olio di mandorle

Il pepe, riesce a prevenire tutti i fattori che causano la formazione dei cumuli di sangue che poi alla fine sono la causa delle vene varicose. I due ingredienti vanno mescolati bene insieme, si deve preparare una soluzione unica compatta, che si può conservare per lungo periodo.

Vene varicose-Donna.nanopress.it

Per conservare la soluzione miracolosa, è importante che venga prima di tutto solidificata. In questo caso, bisogna aggiungere 510 grammi di cera d’api precedentemente sciolta a bagnomaria. La cera d’api può essere acquistata in tutti i negozi fisici, oppure on-line.

Non si usa soltanto per solidificare il composto, ma può essere utile anche come rimedio alle dermatiti causate dalle vene varicose. Questo perché la cera d’api ha proprietà antinfiammatorie incredibili.

Come conservare il preparato miracoloso

Quindi si fonde la cera d’api dentro un pentolino con dell’acqua, a fuoco acceso, si mescola la cera con un cucchiaio di legno. Una volta sciolta del tutto, si versa dentro la soluzione fatta di olio di mandorle e pepe di Cayenna.

Vene varicose-Donna.nanopress.it

Si gira e si rimette dentro l’acqua calda. Una volta ottenuta una crema densa, la ciotola si estrae dall’acqua calda. Il contenuto si trasferisce dentro un’altra ciotolina e poi si congela una volta fredda.