Aceto, non in cucina ma nella camera: solo un bicchierino dentro l’armadio | I vestiti ringrazieranno

L’aceto ha mille proprietà, torna utile in cucina per la preparazione di mille piatti buonissimi, ma anche per la pulizia.

Aceto nell'armadio
Aceto nell’armadio – Donnananopress.it

Si usa per sgrassare le pentole, le stoviglie, per disinfettare le superfici e lucidarle. È insomma considerato un rimedio naturale per qualunque problematica e per tutte le situazioni.

Non c’è da stupirsi quindi se si dice che l’aceto può essere messo anche nell’armadio. Chi proverà a metterne anche soltanto un bicchiere, non riuscirà più a farne a meno.

Un bicchiere di aceto, mille vantaggi

Un bicchiere di aceto, anzi in alcuni casi soltanto mezzo, può cambiare la vita. Basta versarne 120 ml dentro la lavatrice, andando a sostituire il detersivo abituale, per fare sì che i capi lavati risultino perfettamente puliti. Chi usa la candeggina per macchiare, profumare, si renderà conto di quanto questa possa essere inutile ed eccessivamente aggressiva. Ci sono prodotti naturali che funzionano ancora meglio.

Aceto-Donna.nanopress.it

L’aceto al posto del detersivo lava, sgrassa e igienizza a fondo, potrebbe quindi non esserci più la necessità di usare sostanze chimiche aggressive nemmeno per eliminare le macchie di sudore. Può essere usato infatti per pretrattare gli indumenti mescolandolo con un pochino di acqua e spalmandolo sugli aloni prima di mettere i capi in lavatrice. Alla fine del lavaggio saranno perfetti, splendenti, profumati.

Una ciotolina contenente un pochino di aceto, sistemata sui davanzali delle finestre invece è in grado di allontanare gli insetti. Questo grazie all’odore acre e pungente. Una soluzione perfetta insomma, che non costringe all’uso di prodotti industriali nocivi per la nostra salute, ma che ci permette di raggiungere il medesimo scopo. Invece due cucchiai di aceto versati nell’acqua di cottura delle uova, impedisce loro di rompersi in cottura o di deformarsi.

Aceto nell’armadio, ecco perché

Ogni anno, in occasione del cambio stagione, qualunque donna svuota l’armadio, completamente, e così coglie l’occasione per pulirlo accuratamente. In realtà bisognerebbe pulirlo almeno una volta al mese, ma nessuno lo fa perché solitamente nessuno ha tanto tempo libero.

Aceto-Donna.nanopress.it

Per cui, se si volessero allontanare eventuali parassiti che potrebbero essere presenti nel mobile in legno, c’è una soluzione rapida e ottimale da provare, che non ha alcun costo e che non richiede chissà quale tempo.

Basta preparare un prodotto, direttamente in casa, in soluzione fai da te quindi, per ottenere un risultato incredibile, esclusivo. La soluzione si prepara con l’aceto, che allontana qualunque parassita dagli abiti per evitare di rovinarli. L’aceto, serve anche a rinfrescare gli armadi che puzzano di legno o di chiuso.

Come preparare la soluzione con l’aceto

Come prima cosa, si puliscono le superfici usando un panno morbido imbevuto nell’aceto. Quindi si fa asciugare l’armadio, benissimo, quando le superfici saranno completamente asciutte, si prende un flacone spray vuoto e si riempie versando al suo interno 180 ml di aceto. Poi si aggiunge dell’acqua fredda per riempire il resto del flacone rimasto vuoto.

Aceto-Donna.nanopress.it

Ecco come si usa la soluzione di aceto sugli armadi e dentro i cassetti

A questo punto la soluzione va spruzzata direttamente all’interno dell’armadio o nei cassetti, perché va bene anche per le cassettiere. Poi si passa uno strofinaccio per asciugare.

Aceto-Donna.nanopress.it

Il cattivo odore degli armadi si trasferisce facilmente sui vestiti, questo è un problema, perché difficilmente poi va via. Se la pulizia degli armadi è stata effettuata da poco tempo, basta soltanto rinfrescare l’armadio con un panno, lasciare aperto per un po’ e poi mettere dentro mezzo bicchiere di aceto bianco. In questo caso, le ante vanno lasciate chiuse, perché l’aceto andrà ad assorbire tutti i cattivi odori. Bisogna farlo per una notte intera, il giorno dopo basterà aprire soltanto un’anta per rimanere piacevolmente colpiti.