“Zeppe di arsenico e nichel”, matite per le sopracciglia pericolosissime: NON comprarle

Non tutte le matite per sopracciglia sono uguali e alcune sono piene zeppe di arsenico e nichel, metalli pesanti dannosi per la salute. E’ quanto emerso da un nuovo test svizzero, che ha riscontrato questi metalli anche nelle matite di marche famose. Ecco quali sono le matite per sopracciglia da evitare e quali comprare.

matita sopracciglia
Sopracciglia rovinate – donna.nanopress.it

A stilare la classifica delle matite per sopracciglia migliori e peggiori è il nuovo test svizzero di K-Tipp, che ha affidato al laboratorio tedesco Wirts und Partner di Hannover il compito di eseguire le analisi su 12 prodotti di marchi diversi. Le analisi hanno permesso di attestare la presenza di ingredienti sensibili e di testare anche le proprietà delle varie matite. Scopriamo di seguito i risultati ottenuti dal test.

I parametri tenuti in considerazione nell’analisi della matite

Nelle analisi di laboratorio eseguite su 12 matite per sopracciglia di diverse marche sono stati considerati i seguenti parametri:

Matita sopracciglia-Donna.nanopress.it
  • Applicazione – viene determinata da come si trasferisce il colore, se l’applicazione è precisa, se la punta è troppo dura o morbida
  • Durata del colore – quanto dura il colore dopo l’applicazione o se sbiadisce in fretta
  • Uso e praticità – se è facile da aprire, ha un tappo resistente, se si tempera bene ed è pratica da utilizzare
  • Metalli pesanti – i coloranti presenti nelle matite per il trucco possono contenere arsenico, nichel, mercurio, cadmio, piombo e antimonio.

In quali matite sono stati trovati metalli pesanti

Il test di K-Tipp ha permesso di rilevare se nelle matite da analizzare erano presenti metalli pesanti. Nello specifico, sono due i prodotti in cui sono stati riscontrati nichel e arsenico:

  • Mac – arsenico e 12 mg/kg di nichel
  • Max Factor – 12 mg/kg di nichel

K-Tipp ha sottolineato che su tutte le matite per sopracciglia testate è stato riscontrato il nichel, sostanza che può scatenare allergia. In base a quanto affermato dall’Agenzia austriaca per la salute e la nutrizione, i prodotti cosmetici non dovrebbero contenere oltre 5 milligrammi di nichel per chilo (mg/kg), ma nei due prodotti testati il contenuto era più elevato.

Matita sopracciglia-Donna.nanopress.it

Invece, per quanto riguarda l’arsenico, sostanza ritenuta cancerogena, l’Ufficio federale tedesco per la protezione dei consumatori e la sicurezza alimentare considera pericolosi i livelli che vanno oltre i 0,5. Di conseguenza, visto che il contenuto riscontrato nella matita MAC testata era quasi il doppio (0,94 mg/kg), è chiaro che è considerata dannosa per la salute.

Quale prodotto ha vinto il test

Un make up perfetto si ottiene con una matita per sopracciglia di alta qualità, che favorisce una corretta applicazione. Il test ha rivelato il prodotto Nyx come il migliore da utilizzare in maniera semplice e uniforme. Il prodotto è stato premiato soprattutto per la consistenza gradevole della mina colorata e la facilità di applicazione.

Matita sopracciglia-Donna.nanopress.it

Nella classifica ha ottenuto il secondo posto la matita H&M, e a seguire si sono piazzati i seguenti marchi: Benecos, Santé, Clarins, Essence e Catrice, con il livello “buono“. Hanno ricevuto il massimo dei voti anche  “Brow Specialist” di H&M e “Eye Brow Powder Pencil” di Nyx per la durata del colore.

Invece, sono risultate troppo morbide e cremose le matite di Maybelline, Wet n Wild e Artdeco, mentre sono state ritenute graffianti quelle di Max Factor, Benecos, Catrice e Santé. Infine, sono risultate difficili da temperare le matite di Maybelline e Santé.

Qual è risultato il prodotto peggiore

Tenendo conto dei parametri sui quali il laboratorio ha basato le analisi sulle matite per sopracciglia, il prodotto peggiore è risultato “Eye Brow Pencil” di Max Factor. La matita è stata anche criticata per la sua mina particolarmente dura, dalla quale il colore quasi non esce, neanche se si esercita una forte pressione.

Matita sopracciglia-Donna.nanopress.it