Bonus mamma, ti ritrovi 4.000 euro nel conto se fai questa mossa subito | C’è la scadenza

I bonus mamma, intervengono in soccorso di tutte le famiglie che scelgono di mettere al mondo un bambino, nonostante la grave crisi economica che stiamo affrontando da qualche anno.

Bonus mamma
Bonus mamma – donna.nanopress.it

Le mamme del 2022, possono ritenersi particolarmente fortunate, perché sono previste per loro importanti somme di denaro, che fanno la differenza.

L’Italia rischia un importante calo demografico: giungono in supporto alle famiglie i bonus mamma

In Italia, nel corso di questi ultimi anni, sono nati sempre meno bambini. Il risultato non poteva essere altro che un clamoroso calo demografico. Chiunque ha paura del futuro, le incertezze sono troppe, per cui si preferisce non allargare la famiglia non essendo certi di ciò che si può garantire o no, al nascituro.

Nonostante le spese, la crisi e le tante difficoltà, un lieto evento come la nascita di un bimbo, regala gioia. Incrementano la gioia, quest’anno, tutti gli aiuti pensati per le famiglie. Molte mamme nel 2022, potranno sfruttare ben tre bonus mamma, bisogna fare però attenzione alle scadenze e alle circostanze.

Bonus mamma, chi può riceverlo e come

Il bonus mamma è indicato per tutte le mamme disoccupate, che non rientrano nei benefici della maternità dell’INPS. Quindi chi non riceve la maternità INPS, può percepire il bonus comunale. La prestazione può essere richiesta direttamente al Comune, entro il primo anno di vita del bimbo. Poi viene pagata dall’INPS.

Giovane mamma
Giovane mamma – donna.nanopress.it

Si tratta di un assegno mensile di 5 mesi, ad ogni mese corrisponde un pagamento di 354,73€. Il bonus mamma però viene erogato, in unica soluzione, per un totale di 1773,65 euro. Coloro che non hanno ancora fatto richiesta per ottenerlo, sono in tempo per farlo. Per quanto riguarda le nascite a partire dal mese di luglio del 2021, si può fare richiesta fino al 30 luglio 2022.

Assegno unico e bonus mamma domani

Dal primo di marzo 2022, è entrato in vigore anche l’assegno unico. Il pagamento dell’assegno unico è relativo alle famiglie con figli fino a 21 anni di età. La misura permette di percepire un assegno variabile al mese, per quanto riguarda le famiglie con ISEE sotto i €15.000.

Ad averne diritto sono tutti i nuclei familiari, che hanno a carico figli minorenni e maggiorenni fino ai 21 anni di età, che rispettano determinate condizioni imposte dallo Stato.

Mamma giovane
Donna incinta – donna.nanopress.it

Possono fare domanda, tutti coloro che hanno a carico figli iscritti all’università, prossimi alla laurea, che svolgono tirocinio, che frequentano corsi di formazione scolastica o professionale, disoccupati in cerca di un lavoro, iscritti al centro per l’impiego.

Sono inclusi anche coloro che svolgono il servizio civile universale, oppure le famiglie che hanno a carico figli con disabilità, in questo caso l’assegno non ha limiti di età.

Per riceverlo si presenta la domanda all’INPS, già a partire dal 7° mese di gravidanza. La misura ha sostituito il bonus mamma domani. Tutte le nascite sopraggiunte entro il 28 febbraio, hanno ancora diritto a ricevere il bonus mamma domani, che da marzo è stato inglobato dall’assegno unico.

Ad averne diritto sono tutte le donne divenute mamme prima del 3 marzo. Possono percepirlo fino al 28 agosto, quindi entro 6 mesi dalla nascita.

Quanto si percepisce con l’assegno unico

La quota dell’assegno unico, è variabile. Si parte da un minimo di 175 euro per una famiglia che ha un solo figlio minorenne con ISEE fino a 15mila euro. La somma è soggetta a maggiorazioni in base al numero dei figli, specie se affetti da disabilità.

Assegno unico
Assegno unico – donna.nanopress.it

Considerando tutti questi bonus e tutti gli aiuti statali, le mamme del 2022 riceveranno più di €4000.