Saltare la cena per dimagrire: la dieta del dinner cancelling

Saltare i pasti
Dieta dei liquidi

Una delle raccomandazioni più ricorrenti in tema di diete è quella di non saltare mai i pasti. Ma è vero sempre e in assoluto? In realtà esiste un regime alimentare che promette di perdere peso in sole due settimane proprio saltando la cena. Si chiama dieta dinner cancelling: il principio alla base è quello di accumulare i grassi durante il pranzo e consumare solo liquidi la sera.

Del resto è vero che in antichità il digiuno serale era considerato un rituale purificatore per riequilibrare il fisico (anche se in realtà spesso si trattava di una scelta obbligata date le ristrettezze economiche). Ma quali sono i vantaggi di saltare la cena? Prima di tutto mangiare la sera rende più lenta la digestione: andando a dormire subito dopo la cena non si ha tempo per digerire e quindi si tende ad ingrassare più facilmente. Anche la qualità del sonno ne risente. Vero è che, anche i non sostenitori del digiuno, dovrebbero sempre e comunque limitarsi ad una cena leggera a base di verdure. Da evitare i carboidrati. Nel menù della dinner cancelling dieta a pranzo non ci sono privazioni e non bisogna contare le calorie: ovviamente bisogna avere l’accortezza di non esagerare ma l’unica vera regola da seguire è che, passate le 17.00, si possono assumere solamente liquidi. Di seguito vi proponiamo un menù tipo settimanale:

Colazione (valida per tutti i giorni): 200 ml di yogurt magro con due cucchiai di cereali o un panino da 60 g. con 50 grammi di prosciutto magro e un bicchiere di spremuta di arancia.

Lunedì

Pranzo: una sogliola ai ferri, 200 g. di patate bollite, un pompelmo
Spuntino: 100 g. di formaggio light spalmabile e 40 g. di pane, un frutto.
Cena: una tisana al tiglio ( se non riuscite a berla amara potete dolcificarla con un cucchiaino di miele).

Martedì

Pranzo: 100 g. di petto di tacchino, un peperone alla griglia, un panino e una mela
Spuntino: panino farcito con 100 g. di petto di pollo grigliato, due foglie di insalata e un pomodoro
Cena: una tazza di tisana al finocchio.

Mercoledì

Pranzo: 90 g. di pasta al pomodoro e basilico, insalata mista verde e due prugne
Spuntino: 3 fette biscottate con un velo di marmellata, una pera con una fetta di formaggio
Cena: una tazza di tè dolcificato con un cucchiaino di miele.

Giovedì

Pranzo: frittata di due uova,30 g. di gorgonzola, 200 g. di fagiolini lessati, 30 g. di pane integrale, una mela
Spuntino: frullato di banana, 250 ml di latte e cucchiaino di miele
Cena: una tazza di camomilla dolcificata con un cucchiaino di miele.

Venerdì

Pranzo: 150 g. di petto di pollo ai ferri, spinaci, 60 g. di pane di grano duro, una coppetta di ananas a pezzi o un sorbetto
Spuntino: un toast con prosciutto cotto e 30 g. di formaggio
Cena: una tazza di tisana a piacere con un cucchiaino di miele.

Sabato

Pranzo: cuscus di verdure, insalata verde mista, una mela cotta condita con cannella
Spuntino: frullato di banana, 250 ml di latte e cucchiaino di miele
Cena: una tazza di camomilla dolcificata con un cucchiaino di miele.

Domenica

Pranzo: torta rustica agli spinaci, carote grattugiate, una pera
Spuntino: 200 g. di yogurt magro e un cucchiaio di cereali
Cena: una tazza di tisana ai frutti rossi dolcificata con un cucchiaino di miele.