Come scegliere lo shampoo giusto per i propri capelli

come scegliere lo shampoo giusto per i propri capelli

Capire come scegliere lo shampoo giusto per i propri capelli può comportare qualche difficoltà. Molto spesso, infatti, si tende a scegliere lo shampoo tenendo conto del passaparola e dei consigli di un’amica, ma è fondamentale ai fini di prendersi cura della propria chioma in modo adeguato attenersi a determinate caratteristiche: esiste uno shampoo giusto per ogni tipo di capello, tenendo conto della loro texture – lisci o ricci? – del loro volume – fini o spessi? – e più in generale delle loro condizioni e della routine di ognuna di noi, in base all’utilizzo più o meno abituale di agenti trattanti chimici e della frequenza con cui ci si fa lo shampoo. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere.

Shampoo uso frequente

shampoo lavaggio frequente

Come il nome stesso suggerisce, si tratta di uno shampoo per lavaggi giornalieri o comunque molto ravvicinati. Nonostante sia sconsigliato lavare i capelli troppo spesso, c’è chi non può farne a meno perché ha una cute molto grassa o per ragioni di altra natura, come ad esempio l’esercizio di un’intensa attività sportiva o il vivere in città molto inquinate che sporcano inevitabilmente i capelli piuttosto facilmente.
Lo shampoo per uso giornaliero deve essere delicato, mai troppo sgrassante in modo da non irritare il cuoio capelluto.

Shampoo 2 in 1

Questo tipo di prodotto è preferito da chi ha poco tempo per il rituale dello shampoo. Si tratta di shampoo e balsamo insieme, condensati in un’unica formulazione. Anche se sono molto venduti, gli shampoo balsamo 2 in 1 sono guardati con sospetto dagli addetti ai lavori del capello, poiché non consentono di individuare un prodotto mirato per l’esigenza specifica della chioma rivelandosi solitamente molto pesanti e controindicati, ad esempio, per il lavaggio dei capelli sottili.

Shampoo per capelli colorati

[secgalleria id=”21926″]

Lo shampoo per i capelli colorati e decolorati mira a valorizzare e preservare la bellezza e la luminosità della tinta mediante l’impiego di attivi antiossidanti. L’acquisto di uno shampoo professionale per capelli colorati è sicuramente la scelta più funzionale ai fini di tutelare la salute della propria chioma e di non compromettere neppure l’estetica del colore fatto dal parrucchiere.
Lo shampoo per capelli tinti aiuta il colore a durare più a lungo e, in alcuni casi, camuffa anche i capelli bianchi consentendo di evitare ritocchi alla ricrescita troppo frequenti.

Shampoo per capelli grassi

[secgalleria id=”21922″]

Al contrario di quel che si pensa, lo shampoo per capelli grassi non deve essere troppo aggressivo. Sgrassare eccessivamente capelli e cuoio capelluto rischia, infatti, di sortire l’effetto opposto a quello desiderato, incrementando ulteriormente la produzione di sebo.
Meglio preferire uno shampoo per capelli grassi che si sporcano subito pensato per lavaggi ravvicinati, quindi dalla formulazione delicata. Sono molto gettonati, ultimamente, gli shampoo per capelli grassi bio, privi di siliconi e ingredienti chimici che in molti casi peggiorano le condizioni dei capelli grassi.

Shampoo per capelli ricci

[secgalleria id=”21920″]

Ormai è risaputo che le chiome ricce richiedano delle cure specifiche. Lo shampoo per i capelli ricci non solo deterge chioma e cuoio capelluto, ma aiuta anche a conservare l’elasticità del riccio minimizzando il tanto odiato effetto crespo.
Sempre più donne scelgono di utilizzare costantemente prodotti per capelli ricci professionali oppure shampoo per capelli ricci senza siliconi, a base di ingredienti “green” e a detta di molte beauty addicted particolarmente indicati per i ricci ribelli.

Shampoo capelli secchi e sfibrati

shampoo capelli secchi

I migliori prodotti per capelli secchi e crespi, solitamente segno di una chioma molto stressata e sfibrata, contengono ingredienti altamente nutrienti come burro di karitè, olio di semi di lino e olio di Argan.
L’impiego di questi attivi è in grado di rivitalizzare la chioma e di nutrirla in profondità, penetrando nel cuoio capelluto. Il rischio, se i capelli sono anche sottili, è che lo shampoo idratante possa appesantire la chioma: per questo è fondamentale individuare una tipologia di formulazione bilanciata, non troppo ricca.

Shampoo antigiallo

In termini di esigenze specifiche, lo shampoo antigiallo è uno dei più venduti in farmacia, in profumeria e al supermercato. A cosa serve? Come il nome stesso suggerisce questa tipologia di prodotto viene impiegata per evitare che i capelli si ingialliscano ed è solitamente adoperata da chi ha capelli grigi o bianchi naturali o tinti dal parrucchiere e non vuole che il colore della chioma assuma una sgradevole nuance giallognola.
Lo shampoo antigiallo è utile anche in caso di capelli schiariti, biondi o rossi che dopo diversi lavaggi tendono a tirare fuori una componente gialla che può risultare antiestetica.
Un utilizzo prolungato di un buon shampoo antigiallo può davvero fare la differenza.

Shampoo doposole

shampoo doposole

Ideale da portare al mare quando si va in vacanza, lo shampoo doposole è solitamente uno shampoo idratante e nutriente che oltre a prendersi cura della chioma – che risulta stressata e sfibrata – la ripara anche da salsedine, vento e raggi UV.
E’ preferibile abbinare a questo tipo di shampoo anche l’utilizzo di un buon balsamo doposole o di una maschera doposole ristrutturante.

TESTI A CURA DI: Maria Teresa Moschillo