Caffè nelle orchidee: ecco perché dovresti metterlo sempre | Mai viste cosi rigogliose

Le orchidee, sono fiori bellissimi, che rendono favoloso qualsiasi balcone o giardino, purché siano curate.

Orchidee
Caffè nelle orchidee – donna.nanopress.it

Le orchidee appaiono sofisticate, raffinate, sono considerate dei fiori nobili. Solitamente vengono regalate, ma c’è anche chi, per passione, le coltiva in casa propria.

Orchidee, qualche informazione sulla pianta

Le orchidee possono essere sistemate in un angolo spento della casa, per dare un tocco di raffinata eleganza e di allegria. Questi fiori hanno origini tropicali, la pianta classica che conosciamo ha dei fiori grandissimi, bianchi, che solitamente vengono scelti in occasione dei matrimoni. Sono l’ideale per i bouquet delle spose, oppure come addobbo floreale del luogo del ricevimento o della chiesa.

Orchidee-Donna.nanopress.it

Sono bellissime anche le altre varietà, ovvero quelle colorate, che mostrano tonalità tenui, delicate, allegre, o colori sgargianti, che creano texture particolari. Si tratta di piante che hanno bisogno di attenzioni e cure, ma non eccessivamente. Ce ne sono molte altre, che si possono ritenere più impegnative e problematiche.

Prima di acquistarla o di piantarla, bisogna individuare la giusta posizione per l’orchidea, perché la pianta è adatta ai luoghi luminosi, ama la luce, ma non deve rimanere per tanto tempo sotto i raggi solari.

Come ottenere delle orchidee rigogliose

Le orchidee sono belle soprattutto quando la pianta fiorisce e regala tanti fiori colorati. Per poter ottenere questo risultato, bisogna nutrirla a dovere, utilizzando il fertilizzante. C’è chi utilizza il compost, fatto di gusci di uova, bucce di banana, patate e chi invece acquista il fertilizzante indicato.

Orchidee-Donna.nanopress.it

Se si vuole realizzare un fertilizzante naturale in casa, senza spendere molto, lo si può fare senza alcuna difficoltà. La preparazione è semplice e indicata anche per coloro che non hanno il pollice verde.

Servono degli ingredienti, che tutti abbiamo in casa. Uno degli ingredienti più comuni, sono i fondi del caffè, che solitamente, dopo aver fatto il caffè buttiamo via perché inutilizzabili. In realtà tornano utili, eccome, per coloro che hanno un giardino, un balcone o una terrazza ricca di piante.

Come preparare il fertilizzante naturale usando i fondi del caffè

I fondi del caffè sono un ottimo concime per le piante, ne basta veramente poco da spargere nel terreno o nel vaso, per ottenere una fioritura strepitosa. I fondi del caffè contengono una sostanza in grado di far crescere bene le piante. Si tratta dell’azoto. Inoltre tengono lontane le chiocciole, le formiche e le lumache, che possono rovinarle.

Orchidee-Donna.nanopress.it

Per mettere alla prova la loro azione repellente, fare un cerchio con i fondi del caffè, intorno alle orchidee. Si potrà notare subito come formiche, lumache e chiocciole cambieranno direzione, in pochissimi secondi. In alternativa, si possono riporre due tazze di fondi di caffè, dentro un secchio di acqua. Lasciare in infusione per qualche giorno. Trascorso il tempo, il fertilizzante liquido sarà pronto per essere utilizzato sulle orchidee e su molte altre piante non soltanto ornamentali.

Dove i fondi possono essere usati e dove no

Infine, possono essere aggiunti al materiale di scarto in una compostiera domestica e essere utilizzati non soltanto per nutrire e far crescere le orchidee, ma anche per le erbe aromatiche, come il prezzemolo, il basilico, il pepe, l’aglio. Sono ottimi, per i frutti di bosco, i lamponi, le more, i mirtilli. Poi anche per altri fiori quali le camelie, le azalee, i gigli, le ortensie, le Magnolie. Per finire vanno benissimo anche per le verdure, quali il cetriolo, le melanzane, la zucca e le zucchine.

Orchidee-Donna.nanopress.it

Non vanno utilizzati invece sulle piante di pomodori, ravanelli, girasoli e broccoli perché secondo uno studio condotto dall’università di Melbourne, producono un effetto negativo. I fondi infatti, alzano il pH del terreno. Sono quindi da scartare su terreni già acidi di per sé, anche se lì sono piantati ortaggi, piante e fiori che potrebbero trarne beneficio.