Caldo afoso, con questa pianta rinfreschi casa in un battibaleno: addio ventilatore

Il caldo afoso, è arrivato da oltre un mese; le temperature sono molto elevate e probabilmente ci faranno compagnia per diversi mesi ancora.

Caldo in casa
Rinfrescare la casa – Donna.nanopress.it

Nei prossimi giorni, dovrebbero arrivare piogge e temporali, pronti ad abbassare la temperatura. Il caldo poi tornerà e rimarrà con noi fino a settembre e oltre.

Caldo afoso, regole da seguire per non soffrire eccessivamente

Oggi è impossibile sopportare l’afa e resistere al caldo, soprattutto se in casa non si ha un condizionatore. A proposito del condizionatore è consigliato evitare di tenerlo acceso tutto il giorno, non soltanto per una questione economica ma anche per la propria salute. L’aria fredda del condizionatore fa male al corpo, i risultati diventano evidenti nel corso degli anni con acciacchi e molto altro ancora.

Condizionatore
Aria condizionata – Donna.nanopress.it

Per tutti questi motivi, bisogna cercare di trovare dei rimedi alternativi al caldo afoso, senza spendere troppo. L’ideale sono le alternative a costo zero, che permettono di superare l’estate con meno disagi e problemi possibili.

L’alimentazione è sicuramente d’aiuto, come lo è anche l’acqua. In estate, con le temperature alte, è consigliato uscire soltanto nelle ore fresche, soprattutto in presenza di bambini e tenere tutto chiuso durante il giorno. Le finestre e i finestroni vanno aperti esclusivamente la sera o la notte, per abbassare la temperatura.

Rimedio quasi a costo zero che abbellisce case e appartamenti

Un altro rimedio quasi a costo zero, sono le piante che aiutano a regolare la temperatura interna, la abbassano proprio come fanno i condizionatori, senza fare male alla salute. Chi ha un giardino, certamente non avrà alcun problema nell’acquistare degli arbusti da piantare davanti la porta, per ottenere una bellissima ombra. Gli alberi sono belli da vedere, ma soprattutto utili contro il caldo afoso.

Giardino con alberi
Giardino con alberi – Donna.nanopress.it

Chi invece non ha un giardino, ma soltanto un terrazzo o un semplice balcone può accontentarsi delle piante piccole, in vaso. Ce ne sono alcune bellissime, che occupano poco spazio e che contribuiscono ad abbassare la temperatura. Tra tutte queste piante, la più conosciuta e comune è l’aloe vera. Tutte le case ne possiedono almeno una perché ha tantissimi benefici.

Quali sono i benefici dell’aloe vera in estate

L’aloe vera, non è soltanto un rimedio contro il calore, purifica l’aria ed è un ottimo aiuto contro le scottature. L’aloe cresce benissimo al sole e alla luce, ha bisogno di stare all’esterno, anzi cresce meglio nei terreni leggermente acidi. Bisogna però fare parecchia attenzione alla sua cura, perché soffre i ristagni d’acqua.

Aloe Vera
Aloe Vera – Donna.nanopress.it

Per difenderla al meglio, si possono mettere sul fondo 2 o 3 cm di ghiaia, che servono a evitare che le radici marciscano. Non è necessario mettere tanta acqua, tra un’annaffiatura e l’altra deve passare qualche giorno poiché è necessario che il terreno rimanga asciutto più possibile. È utile anche come emolliente, se passata sopra le puntute di zanzara fa passare il prurito e le sgonfia.

Altre piante che si rivelano essere un toccasana in estate

All’aloe, poi si aggiunge la dracena o meglio nota come il tronchetto della felicità. Questa pianta è perfetta per gli appartamenti, è un ottimo alleato per l’uomo, perché assorbe l’anidride carbonica e rilascia grandi quantità di ossigeno.

Il terreno deve essere semplicemente morbido, non è necessario esporla alla luce diretta. Ciò significa che l’illuminazione deve essere giusta, né troppa né poca. Per l’annaffiatura, in autunno e in primavera basta dare l’acqua una volta a settimana, mentre in estate si può raddoppiare.

Dracena
Dracena – Donna.nanopress.it

La felce è conosciuta come una pianta capace di purificare l’aria. Preferisce la mezza ombra e ha bisogno di qualche cura in più rispetto alle altre piante. In estate è necessario nebulizzare le foglie e evitare di esporla ai raggi solari. Per quanto riguarda l’annaffiatura, va bene dare l’acqua due volte a settimana e aumentare in estate.

Ha più o meno le stesse caratteristiche, l’edera che purifica l’aria, trattiene i raggi del sole e rende le abitazioni più fresche. Anche in questo caso il terreno deve essere drenante, sono da evitare i ristagni dell’acqua e preferire la posizione nella mezza ombra. Tutto questo varia in base alla qualità della pianta.

Va piuttosto custodita e difesa perché rispetto alle altre, deve essere annaffiata regolarmente fin quando non è abbastanza cresciuta. In un secondo momento, sarà necessaria soltanto l’acqua piovana. Facendo parte delle piante rampicanti, può essere coltivata in vaso ma poi va potata.