Macchie di pipì sul materasso, questo ingrediente che usi in cucina rimuove tutto

Le macchie di pipì sul materasso sono quasi comuni. Non esiste casa che non ne abbia almeno una. Soprattutto avendo dei bimbi, questi inconvenienti capitano. Per quanto lì per lì possa sembrare una situazione non più risolvibile, non esiste macchia che non possa essere rimossa con degli ingredienti miracolosi.

Macchie di pipì
Materasso macchiato – donna.nanopress.it

Quando il materasso si sporca di pipì, non bisogna fare altro che pensare a pulirlo bene, perché è lui che ci permette di riposare sia la mente che il corpo, con un lungo sonno ristoratore diurno o notturno. Proprio per questo motivo, bisogna prendersene cura sempre. 

Qualunque materasso, deve essere sottoposto almeno una volta al mese a trattamenti specifici, che consentono di evitare che la polvere si accumuli, eliminando gli acari che alla lunga potrebbero anche causare allergie o crisi respiratorie.

Qualcuno addirittura a causa della polvere e degli acari inizia a soffrire di insonnia. Ogni volta che si cambiano le lenzuola, si consiglia di passare l’aspirapolvere per rimuovere eventuali acari ed evitare che questi si vadano ad appropriare del letto. Invece una volta al mese o al massimo ogni 2/3 mesi, si deve procedere alla pulizia approfondita. 

Eliminare le macchie di pipì dal materasso, quando e come agire

Chi non sa proprio come agire e come comportarsi, deve soltanto munirsi di qualche ingrediente che si trova in cucina, nella dispensa e di un pochino di pazienza. In questo modo, il materasso ritorna ad essere praticamente come nuovo. Bisogna inoltre sapere che con questi ingredienti, oltre che la pipì dei piccoli o degli adulti, si possono anche rimuovere le macchie di vomito.

macchie di pipì sul materasso-Donna.nanopress.it

Per eliminare le macchie di pipì dal materasso, il primo ingrediente fondamentale, è il tempo. Prima si agisce e meglio è, perché più tempo passa, più si rischia che la macchia si fissi e non vada più via, perché crea gli aloni. Quindi si prende un ingrediente, considerato l’alleato delle casalinghe perché torna utile giornalmente in cucina in mille modi. Si tratta del bicarbonato di sodio.

Come agire sulle macchie di pipì con il bicarbonato

Questo ingrediente, si scioglie dentro dell’acqua calda, poi si strofina direttamente sulla sulle macchie di pipì sul materasso con forza. Quando queste sono totalmente scomparse, si asciuga il materasso all’aria: è meglio tirarlo direttamente fuori, magari sul balcone o in giardino.

macchie di pipì sul materasso-Donna.nanopress.it

Se non si ha molto spazio invece, si deve necessariamente asciugare con il phon anche se ci vuole molto più tempo. Questa procedura è fondamentale perché se il materasso viene lasciato umido, si può formare muffa, la conseguenza è la puzza di umido che piano piano ci costringe a buttarlo via e quindi a cambiarlo.

L’aceto come alternativa o alleato del bicarbonato

Una valida alternativa al bicarbonato, può essere l’aceto. Si prepara una miscela di bicarbonato di sodio e acqua calda, si aggiungono delle gocce di olio essenziale, si possono scegliere quelle che si preferiscono, anche se sono particolarmente indicate quelle alla lavanda, che consentono di riposare meglio. Poi si prende una spugnetta, la si immerge dentro la soluzione, quindi la si strofina energicamente sulle macchie di pipì sul materasso, fin quando queste non vanno via.

macchie di pipì sul materasso-Donna.nanopress.it

Anche qui, proprio come nel caso precedente il materasso va asciugato all’aria aperta oppure con il phon.

Macchie di vomito, come eliminarle del tutto, aloni compresi

Per quanto riguarda invece le macchie di vomito, bisogna lavorarci con molta più pazienza e forza perché difficilmente vanno via senza lasciare alcuna traccia. La possibilità che il materasso torni come nuovo c’è soltanto se si agisce in maniera tempestiva, nel modo corretto, con gli ingredienti adatti.

macchie di pipì sul materasso-Donna.nanopress.it

Non si deve usare alcun prodotto specifico, che anzi potrebbe tanto aggressivo da rovinare del tutto il materasso, senza sciogliere completamente la macchia. Il consiglio migliore che si può dare in questo caso è utilizzare il vapore.

Prima si agisce con il getto caldo, da vicino, più e più volte, perché soltanto uno non risolve la questione. Con più getti si va a sciogliere lo sporco, la macchia e l’alone stesso. Già così la macchia dovrebbe essere molto meno evidente. Poi con acqua calda e sapone si va a pulire la zona fino in profondità, strofinando intensamente utilizzando una spugnetta pulita. Una volta fatto, si mette al sole, oppure si fa asciugare come meglio si può.