Sale, prima di andare a letto buttane sempre una manciata nel lavandino: potrebbe salvarti

Il sale torna utile in cucina per dare un gusto più deciso ai piatti, rende qualunque piatto primo, secondo o contorno che sia, ancora più buono e saporito.

Sale nel lavello
Sale nel lavello-Donna.nanopress.it

In pochi sanno però che si può usare in cucina non per cucinare, ma anche per sgrassare il lavandino e pulire lo scarico che fa puzza.

Sappiamo tutti che per scaramanzia, non va buttato sopra la tavola, perché si dice che porta sfortuna, ma nessuno ha mai detto nulla sull’abitudine di versarlo dentro il lavandino che sia quello della cucina o quello del bagno.

Ecco perché è consigliato usare il sale nel lavandino

La domanda è: a cosa serve buttare il sale dentro il lavandino? La risposta è una ed è chiara, permette addirittura di dire addio ai detergenti una volta per tutte. Per quanto possa sembrare strano, li usiamo per pulire, sgrassare e disinfettare le superfici di qualunque stanza della casa, in realtà si ottiene soltanto l’effetto contrario. 

Sale-Donna.nanopress.it

I detergenti indicati per lavare e igienizzare il lavandino, sul momento puliscono e lucidano, alla lunga essendo aggressivi, non solo non liberano gli scarichi ma li otturano e fanno sì che la puzza piano piano si propaghi. Molti detersivi, faticano ad andare via, quindi oltre che i residui di cibo, muffa, ecc, anche questi influiscono nella formazione dei cattivi odori. 

Come usare il sale per pulire il lavandino e liberare lo scarico

In questo caso, torna più che utile il sale che si usa nel seguente modo. Si mescola mezza tazza di aceto, con mezza di sale, si versa la soluzione preparata in casa direttamente dentro lo scarico, che sia quello del lavandino della cucina, quello del bagno oppure perché no, il bidet, il water, la vasca o la doccia.

Sale-Donna.nanopress.it

Subito dopo si va ad otturare il lavandino con un panno, con una spugna, oppure con il tappo del lavandino stesso e si lascia la soluzione in posa per 20 o al massimo 30 minuti. Una volta che il liquido sarà scomparso, basterà pulire il lavandino usando dell’acqua calda e del detersivo, anche se in piccole quantità, altrimenti il lavoro fatto sarà totalmente inutile.

Alla fine il lavandino sarà completamente pulito e disinfettato, privo di cattivi odori, rimarrà un buon odore per giorni che si propagherà facilmente per tutta la casa.

Alternativa al sale con l’aceto: il sale e il bicarbonato

Una valida alternativa può essere usare il sale grosso e il bicarbonato, che insieme formano tanta schiuma che va a sciogliere tutti i detriti rimasti bloccati nel tubo di scarico nei mesi o addirittura negli anni. Soprattutto nel lavandino dei piatti, solitamente nello scarico, si trova di tutto perché quando si lavano le stoviglie, si fa poca attenzione a ciò che finisce dentro.

Sale-Donna.nanopress.it

Per uno scarico che puzza particolarmente, potrebbe tornare la seguente miscela. Si mettono insieme 5 cucchiai di sale grosso e 5 di bicarbonato, a questi si aggiunge 200 ml di acqua calda. Poi, la sostanza va versata direttamente nello scarico, facendo attenzione a non bruciarsi perché essendo una miscela acida, oltre che calda può danneggiare la pelle. Si consiglia di utilizzare un paio di guanti.

Ripulire il lavandino con i detergenti, consigli utili

Dopo qualche minuto, si potrà utilizzare lo sturalavandini, che insieme all’acqua calda andrà a rimuovere tutto ciò che è rimasto bloccato. Per pulire il lavandino poi alla fine si potrà utilizzare semplicemente dell’acqua tiepida e del detergente, va bene anche quello che si usa per lavare i piatti, ecologico.

Sale-Donna.nanopress.it

Il consiglio è dire addio ai soliti detergenti nocivi, pericolosi per l’ambiente, per la salute dell’uomo e per il lavandino o per i sanitari. In particolare, alcuni materiali possono riportare importanti danni, appena entrati a contatto con alcuni detergenti, per cui bisogna fare molta attenzione.