Vasca ingiallita, il trucchetto della scopa per pulirla alla perfezione: senza fatica

La pulizia della vasca ingiallita, potrebbe essere un bel problema difficile da risolvere se non si vuole ricorrere all’uso di determinati prodotti che certamente danno un ottimo risultato, ma che non sono propriamente consigliati per la salute.

Vasca ingiallita
Vasca ingiallita- donna.nanopress.it

La vasca ingiallita, diventa inutilizzabile pur lavandola una volta al giorno, in modo forse inadeguato. Essendo tra i sanitari più utilizzati, soprattutto in estate, bisognerebbe occuparsene continuamente, con cura, attenzione e tanto tempo libero, che ad ogni modo non è una garanzia.

Infatti, nonostante i lavaggi ripetuti, le cure e l’attenzione, si imbratta facilmente. La prima causa è il bagnoschiuma, che rimane spesso attaccato sul fondo e ai lati. Una seconda causa è la presenza del calcare presente in modo particolare nell’acqua calda.

No ai prodotti chimici e alle sostanze nocive, alcuni prodotti che usiamo in cucina sono miracolosi

Pulire la vasca ingiallita è abbastanza faticoso, soltanto con i prodotti chimici si può pensare di ottenere dei risultati accettabili, anche se pure in questo modo ci vuole olio di gomito e molto tempo libero. Alla fine il risultato sarà accettabile ma non all’altezza delle aspettative.

vasca ingiallita-Donna.nanopress.it

Per non usare sostanze nocive per la salute e aggressive anche per gli stessi sanitari, che possono irrimediabilmente macchiarsi, si possono usare dei prodotti che solitamente tornano utili per la pulizia in cucina, così come anche per cucinare. Stiamo parlando del bicarbonato di sodio, una sostanza alcalina che riesce a pulire adeguatamente, agendo sulle muffe e sui funghi, grazie al suo ph basico. A questi si aggiunge l’uso della scopa, per quanto possa sembrare assurdo.

Ecco cosa usare per far tornare la vasca ingiallita come nuova

Oltre al bicarbonato, bisogna utilizzare anche un po’ di detersivo per i piatti, insieme creano una sorta di pasta abrasiva, che elimina la sporcizia presente su tutta la superficie della vasca ingiallita. La pasta può essere utilizzata sia per pulire l’interno, che per pulire l’esterno della vasca da bagno.

vasca ingiallita-Donna.nanopress.it

La prima cosa da fare per pulire l’interno, è spruzzare un forte getto di acqua che consente di eliminare i capelli e la sporcizia presente in superficie. Poi, chiudere l’acqua e versare del bicarbonato sul fondo, aggiungere un po’ di sapone per piatti, a questo punto usare l’elemento chiave, ovvero la scopa per i pavimenti, quindi strofinare bene, con cura per qualche minuto. Inutile dire che la scopa deve essere nuova, perfettamente pulita e igienizzata.

Bisogna continuare, fin quando il fondo non tornerà ad essere bianco. Serviranno al massimo 2 minuti. Se non dovesse andare così, può tornare utile lasciare in posa la crema, per una mezz’ora. Trascorso questo tempo si può risciacquare con abbondante acqua ed ecco che la vasca sarà come nuova.

Come usare il composto sugli altri sanitari

Si possono pulire allo stesso modo anche i rubinetti della vasca, oppure il flessibile ed il soffione. Vale la stessa cosa anche per la rubinetteria di tutti i sanitari, l’interno e l’esterno.

vasca ingiallita-Donna.nanopress.it

Ciò che conta è risciacquare con abbondante acqua, poi passare un panno pulito per asciugare accuratamente soprattutto i rubinetti che altrimenti perdono lucentezza.

Vasca ingiallita e con solchi, ecco cosa fare

Qualora la vasca da bagno dovesse essere rovinata, è consigliato utilizzare spesso il bicarbonato di sodio che oltre che pulire, minimizza i solchi, senza andare ad intaccare ancora lo smalto della vasca da bagno, come può fare invece qualunque altro prodotto chimico.

vasca ingiallita-Donna.nanopress.it

Se i graffi sono abbastanza profondi, il bicarbonato può essere diluito con l’aceto bianco che in questo caso agisce come sgrassante, disinfettante. Per preparare il composto mettere insieme un po’ di bicarbonato e aggiungere l’aceto puro, senza acqua. Poi, andare a versare il composto sulle zone interessate e strofinare con una scopa, facendo movimenti circolari e soffermandosi soprattutto sulle zone più sporche, che richiedono maggiore impegno.