Ventilatore, come trasformarlo in climatizzatore con 50 centesimi: mai avuto casa così fresca

Basta davvero poco per trasformare un ventilatore in un climatizzatore in modo da avere aria fresca nelle calde giornate d’estate.

Ventilatore diventa condizionatore
Ventilatore diventa condizionatore – Donnananopress.it

Per combattere le calde giornate estive non si può fare a meno del condizionatore. Negli ultimi anni è diventato un vero e proprio alleato e se si può rinunciare a lui nelle ore del giorno, durante la notte è inevitabile. Ma c’è però chi non ha questo elettrodomestico, ma con pochi gesti può trasformare un ventilatore in un climatizzatore.

Modificando da soli in casa un semplice ventilatore su può ottenere dell’aria fresca con soli pochi centesimi. Sono poche le modifiche ma ti aiuteranno ad affrontare il caldo asfissiante dell’estate. Le temperature che si stanno raggiungendo non si vedevano nel nostro paese da circa 20 anni, e ogni anno in Italia le estati sono sempre più calde.

caldo
caldo – donna.nanopress.it

Come ogni estati ci sono dei temporali che rinfrescano l’aria, proprio come sta succedendo in questo agosto 2022. Ma tornerà molto presto di nuovo il caldo soprattutto nel centro e sud Italia. Nei prossimi giorni infatti secondo gli esperti potrebbe ritornare il caldo opprimente proveniente dall’Africa.

Per questo come spesso consiglia la televisione è importante non uscire nelle ore in cui il sole è molto forte ed evitare di stare sotto al sole per molto tempo. È importante anche bere molto e usare abiti traspiranti.

Ecco come trasformare il tuo ventilatore

Ma anche in casa fa caldo è il climatizzatore è l’unico rimedio per restare freschi. Il ventilatore infatti aiuta ma non rinfresca. Le sue pale aspirano l’aria dal retro e la sparano nella direzione opposto non cambiando di fatto la temperatura di essa. Ma basta poco per avere aria fresca con un semplice ventilatore, vediamo come.

ventilatore
ventilatore – donna.nanopress.it

Fare questa modifica al ventilatore non costa nulla, ti bastano solo 0,50 centesimi. Quello che ti serve sono due bottiglie da 1,5 L di plastica e delle fascette autobloccanti, circa sei.

Basterà tagliare le bottiglie in modo che riescano a contenere del ghiaccio. Si dovrà fare un taglio centrale e creare una sorta di barchetta. In quel buco poi si andrà a mettere il ghiaccio. Ma prima è importante chiudere bene le bottiglie con il tappo.

ventilatore trasformato
ventilatore trasformato – donna.nanopress.it

Il prossimo passaggio è quello di fissare la bottiglia ritagliata sul retro del ventilatore. Con delle fascette autobloccanti quindi fissare la bottiglia alla griglia. In base alla grandezza del ventilatore sarete voi a decidere quante bottiglie mettere. Una volta che le bottiglie sono posizionate si può prendere il ghiaccio e metterlo all’interno di esse.

Ecco allora che quando accendere il ventilatore questo non farà girare più aria calda, ma aria fresca. Essendo che le pale come abbiamo precedentemente detto aspirano l’aria dal retro e la rigettano davanti, avendo sul retro aria fresca anche l’aria che andrà davanti sarà fresca.

Più o meno è proprio come succede con il condizionatore d’aria classico, con l’unica differenza che questo metodo è più economico visto che il condizionatore consuma molta elettricità per funzionare.

L’alternativa al ventilatore fai da te

Se però non ti va di creare questo sistema sul retro del classico ventilatore, cercando per il web troverai differenti tipi di ventilatori tra cui dei ventilatori con serbatoio. Questi funzionano per nebulizzazione.

ventilatore con serbatoio
ventilatore con serbatoio – donna.nanopress.it

Sono tanti i modelli che si trovano sul mercato, ma banalmente hanno un serbatoio sul fondo che andrete a riempire con l’acqua. Questo è collegato con un tubino alle pale e spruzza leggermente l’acqua che va a vaporizzarsi rendendo l’aria più fresca.