Cosa mangiare in gravidanza: 5 alimenti che fanno bene a mamma e bambino

Durante i nove mesi, mantenersi in buona salute è importante non solo per il benessere della mamma ma anche per quello del bambino. Sapere cosa mangiare in gravidanza è fondamentale per evitare alimenti che potrebbero essere dannosi e privilegiare invece quelli che fanno bene a mamma e bimbo.

da , il

    cosa mangiare in gravidanza

    Per non compromettere il benessere del nascituro, è bene sapere cosa mangiare in gravidanza così da privilegiare i cibi che fanno bene alla mamma e al bambino. Seguire una corretta alimentazione è importante in ogni fase della vita, ma durante i nove mesi di gestazione diventa addirittura fondamentale perché ci sono alcuni alimenti che possono avere conseguenze a lungo termine sulla salute del bambino, aumentando la probabilità di alcuni tipi di patologie in età adulta; a contrario, ci sono diversi cibi che hanno effetti positivi sul benessere del feto e della mamma e che sono quindi da consumare spesso durante la gravidanza. Siamo abituate a sentire ogni tipo di consiglio su cosa mangiare in gravidanza, ma ci sono 5 alimenti che sicuramente possiamo inserire nella dieta dei nove mesi: ecco quali sono e perché fanno bene a mamma e bambino.

    Zenzero

    zenzero gravidanza

    Probabilmente saprete già che lo zenzero è un valido alleato contro la nausea e quindi può essere utilizzato per ridurre questo fastidioso disturbo durante la gravidanza: diversi studi hanno dimostrato che l’assunzione di 1 grammo al giorno di radice di zenzero in polvere determini una significativa riduzione delle nausee e del vomito in gravidanza, portando quindi ad un miglioramento della qualità della vita nei nove mesi. Lo zenzero ha tuttavia anche altri risvolti positivi, in particolare per migliorare la digestione: durante la gravidanza, il feto schiaccia lo stomaco e questo porta molte donne a soffrire di reflusso gastrico, bruciore e acidità di stomaco; lo zenzero contiene il gingerolo, vitamina A, B e K, che accelerano la digestione e aiutano a regolarizzare il transito intestinale. Inoltre, consumare abitualmente zenzero aiuta ad alleviare il cattivo sapore in bocca che caratterizza il reflusso gastrico e a combattere diarrea, stitichezza e meteorismo, disturbi molto frequenti in gravidanza.

    Salmone

    salmone gravidanza

    Tutto il pesce ha un ruolo fondamentale per il benessere della mamma e del bambino, visto che si tratta di proteine buone e di un’importante fonte di ferro, minerale che contribuisce al corretto sviluppo del sistema nervoso centrale. Il salmone, in particolare, viene consigliato alle donne incinte perché è un pesce particolarmente ricco di Omega 3: questi acidi grassi sono importantissimi perché contribuiscono al corretto sviluppo del cervello e della retina del bambino sia quando è ancora nella pancia della mamma sia durante il primo mese di vita, quando riceverà dal latte della mamma queste importanti sostanze. Potete dunque consumare abitualmente salmone, anche due volte alla settimana, privilegiando quello pescato a quello allevato perché più ricco di nutrienti ed evitando quello affumicato perché più a rischio di contaminazione da batteri alimentari.

    Latte

    latte gravidanza

    Il latte e i suoi derivati sono fondamentali durante la gravidanza per diverse ragioni, quindi le donne in dolce attesa dovrebbero consumarne tre bicchieri al giorno: questa quantità è sufficiente a coprire il fabbisogno giornaliero di calcio, un minerale importantissimo per lo sviluppo delle ossa e dei denti del bambino e per il benessere delle ossa della mamma. Inoltre, il latte e i latticini contengono elevate quantità di fosforo, magnesio, vitamina A e D, tutti elementi che contribuiscono al benessere del feto. Se non amate il latte, potete tranquillamente consumare dello yogurt bianco però evitate il latte scremato perché il processo di scrematura elimina i grassi e le vitamine; a contrario, andrà benissimo il latte parzialmente scremato perché trattiene tutti i sali minerali e le vitamine idrosolubili.

    Frutta secca

    frutta secca gravidanza

    Sappiamo benissimo che la frutta fresca è fondamentale, non solo in gravidanza, perché fornisce al nostro organismo tante vitamine, sali minerali, fibre e altre importanti sostanze; non tutti però sanno che anche la frutta secca è ricca di virtù e che, seppur molto calorica, andrebbe consumata ogni giorno, specialmente durante la gravidanza. Pistacchi, noci, mandorle e simili sono una fonte importante di grassi buoni polinsaturi, che abbassano il colesterolo e proteggono il cuore; durante la gravidanza, sono proprio questi grassi che favoriscono la corretta formazione del tessuto cerebrale e del sistema nervoso del feto. Inoltre, la frutta secca contiene sali minerali, vitamina E e vitamina B in elevate quantità e fibre, importantissime per la donna incinta perché stimolano la muscolatura dell’intestino, solitamente più pigra durante la gravidanza.

    Verdure a foglia verde

    verdure verdi gravidanza

    Una sostanza indispensabile durante la gravidanza è l’acido folico, che spesso viene somministrato anche sotto forma di integratori: l’acido folico è importante per la formazione della colonna vertebrale del bambino, per la produzione dei globuli rossi e per ridurre la possibile insorgenza di patologie come diabete di tipo II e malattie cardiovascolari. In natura esiste una fonte di acido folico importantissima e si tratta delle verdure a foglia verde come broccoli, cavoli e spinaci: questi ortaggi andrebbero consumati ogni giorno, anche perché sono ricchi di betacarotene e vitamina A, altre due sostanze importanti per lo sviluppo ottimale del feto. Partendo dal presupposto che quotidianamente si dovrebbero sempre consumare diversi tipi di ortaggi, le donne in gravidanza dovrebbero consumare una porzione di verdure a foglia verde almeno una volta al giorno.