Crema solare, ritiro immediato: trovate sostanze cancerogene | La marca è famosissima

Crema solare, non appena arriva l’estate, non si sente parlare di altro se non di questi prodotti che consentono di proteggere la pelle dai raggi solari.

protezione solare
Crema solare – donna.nanopress.it

L’uso della crema solare, è fondamentale per escludere il rischio di scottature e eritemi, che oltre che rovinare la pelle, rovinano anche le vacanze estive.

Crema solare, la scelta è sempre più difficile

Acquistare la crema solare migliore per la propria pelle è davvero difficile, soprattutto quando bisogna sceglierne una adatta ai bambini. Ci sono troppe cose da prendere in considerazione, si parla di fattori di rischio, di livelli di protezione, di marche conosciute e meno conosciute.

Il tutto diventa ancora più difficoltoso, se si inizia a parlare di prodotti che vengono ritirati dal commercio, perché ritenuti pericolosi per la salute dell’uomo. L’ultima notizia arriva dall’Australia e dalla Nuova Zelanda, dove in queste settimane è arrivato l’ennesimo richiamo, che ha a che fare con alcuni solari molto conosciuti nel mondo.

Crema solare
Crema solare – donna.nanopress.it

I solari ritirati in Australia e Nuova Zelanda, contengono una sostanza chimica classificata come cancerogena per l’uomo. Si tratta del benzene. Non è la prima volta che accade, in passato si sono verificate allerte simili. Ad esempio lo scorso anno in Australia, si era parlato del ritiro dei prodotti Johnson & Johnson e Neutrogena.

Cos’è il benzene e perché si è deciso di ritirare i prodotti

Secondo gli esperti, il rischio che corrono i consumatori, dopo aver utilizzato creme contaminate, è veramente basso. Nonostante ciò, si procede al ritiro del prodotto dal mercato: si tratta di un gesto di cautela estrema e nulla di più.

Il benzene, comunemente conosciuto come benzolo, è una sostanza chimica organica liquida ed incolore, infiammabile, ma che a temperatura ambiente evapora. Negli ambienti interni, viene emesso ad esempio dal fumo della sigaretta, dalle combustioni di stufe, camini, diffusori e deodoranti.

È contenuto in alcuni prodotti utilizzati per la costruzione di palazzi, è presente quindi nelle colle, nelle vernici. Così come negli ambienti non areati come le autofficine, i box auto, i parcheggi e sottopassaggi.

Crema solare
Crema solare – donna.nanopress.it

Il benzene può intossicare, sia se respirato, sia se si viene a contatto in altri modi. L’intossicazione acuta, per fortuna non avviene facilmente. C’è da dire però che il viene facilmente assorbito, arriva al midollo osseo, al tessuto adiposo, al sangue.

Quali sono i prodotti sottoposti al ritiro

I solari ritirati in Australia e Nuova Zelanda sono i seguenti:

  • Nivea Sun Protect & Moisture SPF 30 lotion 200ml – lotto 12640440bn – scadenza giugno 2024
  • Nivea Sun Protect & Moisture SPF 50+ roll on 65ml – lotto 12669940bn – scadenza giugno 2024

Dopo il richiamo, è intervenuta Nivea, che ha comunicato che a seguito di alcuni test svolti sui prodotti, due lotti identificati come pericolosi perché contenenti livelli elevati di benzene, che superano quelli consentiti da Therapeutics Good administration, sono stati ritirati.

La notizia riguarda soltanto l’Australia e la Nuova Zelanda, comprese le isole del Pacifico che hanno ricevuto i lotti a partire da settembre del 2021. Si sottolinea che tutti gli altri prodotti Nivea Sun, non sono interessati dal richiamo e quindi sono disponibili presso tutti i punti vendita.

Quali potrebbero essere le conseguenze dell’utilizzo di prodotti che contengono benzene

L’azienda ha ritirato i prodotti che contengono benzene, perché quest’ultimo è considerato uno degli agenti cancerogeni più pericolosi in assoluto. Il benzene infatti, quando è presente in elevate concentrazioni, può causare i tumori del sangue.

Benzene
Anello di benzene – donna.nanopress.it

Prima di acquistare prodotti che vanno a contatto la pelle, che si tratti di solari, o di qualunque altra cosa, è consigliato leggere bene le etichette e informarsi sugli ingredienti presenti.

Il benzene non è l’unico ingrediente pericoloso, che purtroppo è presente dappertutto, seppur in piccole quantità. La precauzione non è mai troppa, soprattutto quando si tratta di prodotti destinati all’uso dei più piccoli.