Amore non corrisposto: la sindrome di Clérambault

da , il

    Amore non corrisposto: la sindrome di Clérambault

    A molte di noi sarà capitato di esser innamorate e non essere corrisposte: quando l’amore a senso unico diventa ossessivo sfocia in patologia. In psichiatria questo tipo di amore malato viene chiamato erotomania o sindrome di de Clérambault dal nome dello studioso che lo ha analizzato e gli ha dato un nome. La caratteristica fondamentale che contraddistingue questo tipo di amore è la fissazione per una persona che non corrisponde i sentimenti. Il soggetto erotomane però non riesce ad essere razionale e si convince di essere contraccambiato e quindi si crea mentalmente una storia che non esiste e si convince di vivere una passione travolgente con un persona che invece non è assolutamente interessata.

    In forma non grave ci sono molti uomini, ma anche donne, vittime di questo modo malato di vivere i sentimenti. Nei casi più gravi però si degenera in atteggiamenti persecutori o vendicativo e in violenze fisiche e mentali. Può anche accadere che la persona oggetto delle fissazioni sia una persona famosa: è il caso dei fan mitomani. E’ in particolare a questa variante che lo psichiatra francese De Clerambault ha dedicato i suoi studi. A diventare fan ossessive sono soprattutto le donne: non parliamo solo di teenager che sognano di fidanzarsi con il loro idolo irraggiungibile ma anche di donne mature. L’esempio spesso riportato da De Clerambault è quello di una cinquantenne francese convinta che, attraverso spostamenti delle tende dietro le finestre di Buckingham Palace, re Giorgio V d’Inghilterra le inviasse messaggi d’amore in codice. Erotomane quindi non è, come spesso si pensa, una persona con perversioni sessuali ma chi è convinto di essere amato in segreto da qualcuno. E’ difficile convincere queste persone che il loro amore non è ricambiato: qualsiasi rifiuto dell’amato viene giustificato in maniera anche diabolica. Questo tipo di amore non va confuso con il romanticismo con il quale ha alcuni elementi in comune: l’instancabilità, il pensiero continuo, i gesti plateali, la gelosia ossessiva etc. Ma allora è una malattia o solo un modo di amare sbagliato?