Colleghi di lavoro intimi: quando il sentimento nasce in ufficio

da , il

    Colleghi di lavoro intimi: quando il sentimento nasce in ufficio

    In ufficio passiamo in media 8 ore al giorno ed è intorno al vita professionale che girano inevitabilmente gran parte dei nostri discorsi e dei nostri pensieri: spesso quindi, volente o nolente, è proprio sul posto di lavoro che nascono un gran numero di relazioni amorose.

    Ma quali sono i potenziali problemi di questo tipo di rapporti e i conseguenti accorgimenti consigliabili a chi si trova in questa situazione? Lo psicoterapeuta Raffaele Morelli, intervistato sull’argomento dal Corriere della sera, avverte che il rischio maggiore degli amori tra colleghi o dei sentimenti nati verso il datore di lavoro è quello di finire per proiettare nell’altro le nostre ambizioni lavorative e quindi di vedere il ruolo che il partner ha prima di quello che è come persona. Ci sono molti casi però di connubio proficuo tra amore e lavoro, come ad esempio per le aziende a conduzione familiare. L’importante è sempre riuscire a mantenere il piu’ possibile una vita privata fuori dagli impegni o dagli oneri lavorativi. Ma nelle grandi aziende qual è l’atteggiamento verso questi rapporti? Forse i datori di lavoro non li vedono di buon occhio ma fermarli è difficile, tanto che il fenomeno degli amori nati in ufficio ha assunto negli ultimi tempi proporzioni internazionali. Un tentativo proibizionistico in questo senso è stato fatto di recente da una multinazionale svizzera: la Richemont ha fermamente vietato gli amori tra le scrivanie. Di diverso avviso il governo tedesco che ha appena una legge sui diritti e i doveri dei dipendenti in tema di amore in ufficio: perché è vero che siamo lavoratori ma siamo prima di tutto donne e uomini!