Come lasciare il proprio partner dopo anni

da , il

    Come lasciare il proprio partner dopo anni

    State insieme da anni, sai che ti vuole bene. Che ti conosce, che si prende cura di te. Sembra, in teoria, una relazione stabile. Vai d’accordo con tua suocera, ma c’è qualcosa che non ti permette di sentirti in pace. La chiave è nel parlare di questo sentimento ricorrente.

    Come primo passo evita di convincerti che i sentimenti non siano importanti e possano essere rimpiazzati da idee. Accetta questo sentimento che non ti piace e guardalo per quello che è. Se hai già preso una decisione non lasciar passare molto tempo, per il bene di tutti e due. Non aspettare un litigio per lanciare la bomba, il tuo partner potrebbe pensare che la tua sia una reazione e che cambierai idea tra qualche ora. Non glielo dire nemmeno un lunedì mattina facendo colazione di corsa prima di andare al lavoro. L’idea è quella di trovare un momento tranquillo per entrambi, però se già si sa che è la decisione giusta non fare marcia indietro di fronte al dolore. Considera che in questi casi, l’arrabbiatura e la discussione funzionano come un modo per mantenere la relazione stessa. Se vivete insieme è necessario anche pianificare qualcosa di pratico come un trasloco. Se la casa è tua sarebbe buona cosa che lui si cercasse al più presto un posto dove stare e se ne andasse. In un altro momento si prenderanno accordi per quando verrà a riprendersi le sue cose, non permettergli che lo faccia un poco alla volta. Se la casa è sua, trova un’amica che ti sopporti per qualche giorno finchè non decidi il prossimo passo. Se la casa è in affitto o è di tutti e due una delle cose migliori è che uno dei due se ne vada. In un secondo momento si discuterà degli interessi economici di entrambi. Evita di tornare a casa dei tuoi genitori, anche se loro sarebbero felici di riaverti non è raccomandabile tornare in famiglia quando si ha raggiunto già un buon grado di indipendenza.