Convivere e amare l’altro, realtà complicata ma vera

da , il

    Convivere e amare l’altro, realtà complicata ma vera

    Le favole ci insegnano che prima ci si incontra, poi ci si innamora, o anche contemporaneamente nel caso di colpi di fulmine, poi si va a vivere assieme e vissero felici e contenti, a volte capita anche un matrimonio per completare il quadretto di felicità. Eppure secondo uno studio per la maggioranza di noi conviviamo ma amiamo un altro, di conseguenza il rapporto, com’è ovvio, che sia, è infelice e finto.

    Un recente sondaggio ha dimostrato che su 3.000 partner un adulto su cinque ha ammesso di amare un altro, un diverso rispetto al compagno, compagna, scelta. Non solo, a quanto pare l’amore è pure recidivo, infatti una persona su sei ha ammesso di avere tutta l’intenzione di continuare ad amare l’altro continuando l’attuale rapporto.

    Uno su 25 ha candidamente sostenuto di essere stato innamorato dell’altro per oltre 50 anni, e uno su 50 ha amato, ovviamente sempre l’altro non il convivente, fino a che riusciva a ricordare, in molti hanno dichiarato di essere totalmente ossessionati da un’altra persona.

    Da sottolineare che questo non comporta necessariamente il tradimento, magari si tratta di amore non corrisposto, comunque sempre secondo il sondaggio la maggioranza degli intervistati non ha intenzione di tradire, pur continuando a rimanere infelici nell’attuale condizione.

    Che sondaggio triste, praticamente sembra che le coppie stiano assieme solo per noia e compagnia, la domanda che mi pongo ora è: ma il partner non si accorge proprio di nulla? Ho l’impressione che l’infelicità arrivi da entrambi e lì rimanga.