Dimenticare un amore: quanto tempo occorre?

da , il

    Quando un amore finisce c’è un tempo per le lacrime, per la cioccolata, per lo sfogo con le amiche e poi c’è un tempo per andare avanti e riprendersi la propria vita. Ognuno lo fa con i propri tempi e secondo i propri modi ma c’è una regola universalmente valida per superare una delusione d’amore? Come sempre su questi argomenti Sex and the city docet! Le teoria contrapposte sono sostanzialmente due: c’è chi ritiene che per dimenticare un amore bisogna subito rimettersi in piazza e chi invece ritiene che sia necessario un certo periodo di tempo per somatizzare il distacco.

    Chi ha ragione? E nella seconda ipotesi chi stabilisce quando è giunto il momento di dire addio a kleenex e film romantici che ci spaccano il cuore? Secondo la prima teoria è inutile piangere sul latte versato e bisogna guardare avanti: all’inizio probabilmente ci si sentirà un po’ fuori luogo nella mischia ma poi si riprenderà fiducia in se stesse e basterà uno sguardo profondo a farci battere di nuovo il cuore. Secondo la corrente opposta in media bisogna darsi per dimenticare la metà del tempo in cui è durato l’amore: se siete state fidanzate allora è inutile cercare altri ragazzi prima di sei mesi. Voi cosa ne pensate? Meglio chiodo schiaccia chiodo oppure è più giusto sospirare un po’ davanti ‘al telefono che non squilla mai’? Io credo poco a quelle che il giorno dopo la fine di una storia sono a ballare scatenate in discoteca, però credo anche che tornare single sia un modo per riprendersi i propri spazi e ricoltivare i propri interessi in situazioni in cui ci si senta più a proprio agio, magari al cinema con le amiche (ovviamente solo ammessi solo film comici!). In ogni caso quello su cui tutte solitamente concordano è di non cercare l’ex: niente sms, telefonate o contatti su facebook. Ricordate che prima farete pulizia nel vostro cuore e prima ci sarà posto per un nuovo amore