Il colpo di fulmine? Una reazione chimica nel cervello

da , il

    Il colpo di fulmine? Una reazione chimica nel cervello

    Cos’è quella sensazione bellissima che capita di provare solo quando vediamo lui? La prima volta che ci è apparso davanti agli occhi abbiamo sentito una voce dentro di noi che diceva ‘E’ lui, non te lo lasciar scappare!’. Ma cosa succede davvero nel nostro corpo nel momento in cui viviamo questi momenti unici? La risposta ci arriva dagli Stati Uniti ed frutto di una ricerca svolta da Stephanie Ortigue, della Syracuse University che ha analizzato l’amore a prima vista cercando di dare una spiegazione scientifica al magico momento pubblicando poi i risultati del suo studio sul Journal of Sexual Medicine. Ebbene tutto avverrebbe nel nostro cervello grazie all’incontro di varie sostanze che provocherebbero il cosiddetto colpo di fulmine.

    La dottoressa specifica che questo incontro di sostanze in ogni caso non è la garanzia per una relazione duratura ma di certo è una reazione chimica che avviene grazie all’incontro con una determinata persona.

    Nel momento in cui sentiamo questa unica sensazione, il nostro cervello sta rilasciando delle sostanze chimiche come la dopamina, l’ossitocina, la vasopressina e l’adrenalina. Più che una reazione del cuore dunque, sarebbe una reazione celebrale.

    La dottoressa Ortigue però afferma che ‘In realtà, anche il cuore ha un ruolo attivo in questo processo. Il complesso concetto di amore va dal cervello al cuore e viceversa. Anche se ci sembrano le manifestazioni di sentimenti che vengono dal cuore, in realtà sono causate dall’attivazione di alcune zone del cervello’.

    Secondo i ricercatori della Syracuse University, per attivare il meccanismo chimico del cervello che precede all’innamoramento, ci vuole appena un quinto di secondo, in particolare sarebbero ben 12 le aree cerebrali coinvolte nel rilascio delle sostanze chimiche che producono e fanno provare una sorta di euforia interna. Secondo gli studiosi la sensazione sarebbe molto simile a quella che si prova quando si assume cocaina.

    Lo studio ha anche mostrato che i diversi tipi di amore sono associati a diverse aree del cervello. L’amore appassionato tra uomo e donna per esempio, coinvolge l’area delle ricompense e l’area cognitivo-associativa del cervello mentre, quello tra madre e figlio, è attivato dalle aree cerebrali centrali.