Il femminismo ha ucciso il romanticismo?

da , il

    Il femminismo ha ucciso il romanticismo?

    L’idea che il femminismo abbia prodotto delle pessime amanti non persiste solo tra quelli della vecchia generazione, ma è un’idea piuttosto ancora diffusa. Dopo tutto, non era uno dei principi del femminismo la sicurezza che le donne non hanno bisogno degli uomini? Oppure, non era stata la fondatrice del movimento femminista a coniare la seguente frase: ‘Una donna ha bisogno di un uomo come un pesce di una bicicletta?’ E per finire, non erano le femministe, quelle che si rifiutavano di depilarsi le gambe e rifiutavano l’uso dell’abbigliamento sexy, che ritenevano una conseguenza dell’oppressione maschile e dell’idea di donna come oggetto?

    Quindi, anche nel caso si cerchi di essere politicamente corrette e progressiste nei confronti delle femministe, dobbiamo ammettere che il rapporto di coppia non è proprio il loro forte.

    Ma andiamoci piano, perché le statistiche risultanti da uno studio dicono che, prima di tutto, le donne che identificano se stesse come femministe, si trovano, in un qualsiasi momento, ad essere coinvolte in una relazione romantica eterosessuale (si, eterosessuale, per chi avesse ancora in testa l’immagine che femminista significhi lesbica) molto più delle donne che invece non si ritengono tali.

    Però si potrebbe obiettare che la vita dei loro mariti o ragazzi non è affatto facile, visto che accanto hanno una Mary Daly dei giorni nostri, che non fa altro che rinfacciare loro, per 24 ore, la colpa di un’oppressione fallica.

    Bene, sempre secondo lo stesso studio, gli uomini che vivono con donne femministe, sono risultati avere una vita sessuale più soddisfacente rispetto a quelli che invece hanno come partner donne ‘non schierate’.

    Quindi, se l’idea è quella che le femministe siano dei tipi mascolini, prive di ispirazione sessuale, allora significa che c’è proprio da rivedere qualcosa. Il femminismo non ha ucciso il romanticismo, anzi, ha dato consapevolezza alla donna della sua importanza, l’ha resa molto più libera anche sessualmente. Poi non stiamo a guardare i casi isolati ed estremi, quelli sono davvero pochi.