Italiani i migliori a letto? No, sono solo terzi

da , il

    Italiani i migliori a letto? No, sono solo terzi

    Gli italiani sono i migliori a letto? Forse una volta, ma il primato di amanti migliori del mondo gli è stato sottratto da spagnoli e brasiliani, che si aggiudicano rispettivamente primo e secondo posto di una speciale classifica stilata dal portale www.OnePoll.com.

    La classifica dei migliori amanti del mondo è stata redatta dopo avere intervistato quindicimila donne di 20 nazionalità diverse, che hanno eletto gli spagnoli i migliori in assoluto, seguiti dai brasiliani, dagli italiani e dai francesi.

    Ma perché l’uomo italiano è stato declassato così impunemente? Secondo Alessandra Graziottin, ginecologa e sessuologa, la crisi del maschio italico e non solo, sarebbe stata determinata dalle donne, divenute più aggressive e dallo stress che domina inesorabile le nostre vite.

    Le donne sono in una condizione di costante stress – spiega la Graziottin – dormono meno di quanto dovrebbero, sei ore e mezza anziché otto, producono cortisolo e adrenalina a tutto spiano, perciò sono più aggressive e irritabili. La mancanza di sonno sollecita la voglia di grassi e zuccheri, e questo abbassa la libido. Poi ci sono i bambini, il lavoro, le preoccupazioni, è una situazione di allerta senza interruzioni. Per il sesso di qualità ci vuole tempo, e il tempo non c’è mai. Fare l’amore è diventato come timbrare il cartellino, o come lavarsi i denti, qualche volta anche meno piacevole. All’impoverimento economico si è accompagnato un impoverimento sentimentale. Nessuno è il più grande amante in queste condizioni‘.

    Quindi la crisi dell’uomo inizia da quella delle donne. In compenso gli italiani rimangono i migliori baciatori del mondo, almeno secondo le 3.000 turiste intervistate in occasione del Kisser Casting europeo che si è svolto lo scorso autunno a Milano. Ma il bacio non è l’inizio di tutto? Coraggio allora, non pensate alla crisi e riconquistate anche l’altro primato!

    Foto di marianna tancredi