La posizione dell’incudine: guida e consigli per fare l’amore

da , il

    La posizione dell’incudine: guida e consigli per fare l’amore

    Nella posizione dell’incudine detta anche dell’unione inferiore la donna è distesa sulla schiena, con le gambe piegate e unite sull’addome dell’uomo. L’uomo è in ginocchio davanti a lei con le gambe divaricate. La penetrazione nella posizione dell’incudine è massima.

    In questa posizione del kamasutra per stimolare al massimo il piacere maschile la donna deve stringere bene le gambe una contro l’altra in modo tale da favorire la compressione del sesso del suo compagno.

    Tra i vantaggi di questa posizione ci sono quello che l’uomo può osservare per tutto il tempo del rapporto la vagina della sua compagna, prima e durante la penetrazione, osservandone i cambiamenti quando arriva l’orgasmo: i capezzoli inturgiditi a causa dell’eccitazione, il rossore che le inonda il viso e il collo, la respirazione che varia, i battiti del cuore che accelerano.

    In questa posizione l’uomo ha molta libertà di movimento: può accarezzare varie parti del corpo della compagna, soprattutto le cosce e le natiche, ma anche le gambe e il seno.

    Il ritmo è stabilito dall’uomo, ma può essere calibrato anche dai movimenti delle gambe della donna che può stringerle e allargarle a piacimento in relazione all’intensità del suo piacere. Unico inconveniente per lei è che ha uno scarso margine di manovra e non può affatto accarezzare il corpo del suo compagno.

    Per amplificare le sensazioni di piacere, la donna può decidere di restringere ancor di più la vagina. Le basta non solo serrare le gambe, ma anche incrociarle con forza, mettendole una sopra l’altra. La carezza intima che ne risulta sarà allora molto intensa e pressante, estremamente eccitante per l’uomo, ma anche per lei…