L’amore fa ubriacare, colpa dell’ossitocina

da , il

    L’amore fa ubriacare, colpa dell’ossitocina

    L’amore fa ubriacare, parola di uno studio condotto dall’Università di Birmingham, secondo il quale l’effetto che l’innamoramento esercita sul nostro organismo equivale a quello di un paio di drink. Colpa (o merito) dell’ossitocina, il celeberrimo ormone dell’amore, che agirebbe, proprio come l’alcol, sulle cosiddette strutture corticali limbiche e nella corteccia prefrontale, rendendoci coraggiosi, empatici o al contrario, aggressivi e arroganti, a seconda della personalità.

    Il merito è dell’ossitocina, l’ormone dell’amore che agisce come due drink alcolici, andando a influenzare la trasmissione dell’acido gamma-aminobutirrico, ovvero la sostanza che regola l’eccitabilità dei neuroni come del tono muscolare. A dimostrarlo è stato uno studio dell’Università di Birmingham, pubblicato sulla rivista Neuroscience and Biobehavioral Reviews. Il coordinatore Ian Mitchell ha spiegato, “abbiamo raccolto gran parte della ricerca esistente sugli effetti di ossitocina e alcol, e siamo stati davvero colpiti dalle somiglianze incredibili tra i due composti”.

    Ma la ricerca è importante sotto molteplici fronti, perché dimostrerebbe, tra l’altro, l’importanza dell’ossitocina a livello terapeutico, visto che agisce sui circuiti neurali associati al controllo dell’ansia. Ovvero è in grado di conferire quella tipica sensazione di coraggio ed empatia che proviamo quando alziamo un po’ troppo il gomito. Ma non tutto è oro quel che luccica, perché se da un lato l’effetto può essere positivo, dall’altro può indurre aggressività e arroganza, come succede con le sostanze alcoliche. Ognuno reagisce a modo suo.

    Che l’ossitocina possa rimpiazzare l’alcol, per ora, è improbabile, nonostante esista uno spray nasale all’ossitocina anti-timidezza. Sta di fatto che i suoi effetti sull’organismo umano suscitano senz’altro curiosità e interesse tra i ricercatori e di certo ne sentiremo parlare ancora!