Litigare fa male al cuore e al sistema immunitario

da , il

    Litigare fa male al cuore e al sistema immunitario

    Litigare fa male, lo conferma una recente ricerca svolta da un team di psicologi negli Stati Uniti. Non solo ci si stressa enormemente senza spesso trovare una soluzione per risolvere il litigio, ma a litigare si rischierebbe anche la salute, in particolare si danneggerebbe il cuore e il rischio di infarto si alzerebbe notevolmente.

    In genere si litiga con il partner, sono i litigi più frequenti, ma litigare in genere farebbe in ogni caso male alla salute, ‘è una questione di infiammazione‘, spiegano i ricercatori dell’University of California a Los Angeles che hanno deciso di approfondire la questione reclutando un gruppo di persone e mettendole alla prova.

    Sono stati impegnati nella ricerca 122 tra studenti ed impiegati (53 uomini e 69 donne) a cui è stato chiesto di redarre un diario per otto giorni, tutte le sere avrebbero dovuto riportare il numero di interazioni sociali positive o negative che duravano più di dieci minuti e tutti i momenti che comportavano competitività nella vita professionale e in quella sociale e privata.

    Durante i primi quattro giorni di studio, i volontari sono stati sottoposti a degli esami per valutare la capacità di gestire lo stress e a prelievi di saliva che veniva poi analizzata per dosare la quantità di due ormoni pro infiammatori, l’interleuchina 6 e il recettore solubile del tumor necrosis factor alfa.

    I risultati della ricerca hanno portato a dedurre che tutti coloro che avevano vissuto relazioni negative avevano livelli più alti di queste sostanze infiammatorie rispetto a quelli che, invece, avevano vissuto esperienze positive nel rapporto con gli altri. Oltre che avere dei cambiamenti a livello ormonale i partecipanti che avevano vissuto situazioni negative manifestavano anche una ridotta capacità di gestire situazioni di stress.

    Litigare fa male all’amore, fa male alla salute e fa male a tutto quello che si sta vivendo, la cosa migliore sarebbe non farlo o farlo poco e bene, che ne dite?