Maschi italiani: meglio l’esteta nordico o il passionale del sud?

da , il

    Maschi italiani: meglio l’esteta  nordico o il passionale del sud?

    Il latin lover italiano ha ancora fascino? Forse in parte si ma bisogna saperlo prendere: immagino che per le donne straniere sia difficile inizialmente abituarsi agli sguardi e ai complimenti insistenti che i nostri connazionali elargiscono per le strade. I nostri connazionali hanno la fama di avere l’occhio lungo e di essere molto marpioni. Ma tutti gli uomini italiani sono uguali o esistono anche per le tecniche di corteggiamento differenze tra Nord e Sud? E soprattutto sono differenze reali o tipici pregiudizi?

    Leggete e diteci la vostra raccontandoci la vostra esperienza. Solitamente si pensa all’uomo del sud come al corteggiatore verace e passionale: siciliani e napoletani sono l’emblema di questa descrizione. Stare con loro è, sotto certi aspetti, più facile: non sono maniaci della ceretta, non si aspettano uno striptease sexy ogni volta che ti spogli e apprezzano le forme generose. Via libera quindi a qualche sfizio a tavola: a loro la maniglia dell’amore non dispiace affatto. Per altri versi però sono molto impegnativi: la loro gelosia può diventare ossessiva e in alcuni casi sono maschilisti. Gli uomini del nord invece, da chi li ha ‘provati, vengono descritti come corteggiatori più formali: vi spediranno rose a casa e vi porteranno a cena in un ristorante glamour. Nel rapporto di coppia sono più freddi e distaccati e tengono a mantenere la loro autonomia. Sono molti attenti ai dettagli del look e a letto non potete permettervi un pelo di troppo o la mutandone della nonna! Ovviamente non si tratta di criteri distintivi validi in maniera assoluta: voi che esperienze personali avete avuto con i nostri maschietti?