Orgasmo femminile, colpa del partner?

da , il

    Orgasmo femminile, colpa del partner?

    Il piacere sessuale femminile, o quel traguardo comunemente chiamato orgasmo, non è così semplice da raggiungere e se non vogliamo ritrovarci come Meg Ryan in ‘When Harry met Sally’ la donna dovrebbe iniziare a prendere in considerazione alcuni fattori altrimenti rischia di odiare il partner disattento più del necessario. Il raggiungimento dell’orgasmo per una donna è un processo sicuramente più lungo rispetto all’uomo, e spesso capita che l’uomo una volta raggiunto il suo obiettivo si dimentichi della donna, cosa che fa notevolmente imbestialire il mondo femminile.

    Però è bene guardare in faccia la realtà, vi sono uomini che si pongono al centro di ogni cosa e non si preoccupano minimamente del piacere della donna anche se giurano che questo è il loro primo obiettivo, falso. E le donne innamorate che fanno? Diventano esperte nell’arte di fingere un orgasmo, inoltre l’ansia di prestazione dell’uomo renderà tutto più irreale e difficile.

    Forse è ora di smettere di rendere il partner l’unico responsabile del mancato piacere, se la donna finge, o non impara a comunicare non è certo solo colpa dell’uomo, in poche parole non facciamo diventare segreti le esigenze sessuali personali, altrimenti rischiamo di creare delle barriere e il tradimento è dietro l’angolo, non per amore o noia, ma per desiderio di scoprire.

    Infine buttiamo giù dalla torre un mito, è vero che non è bene chiedere come sta andando durante il rapporto ma chiedere dopo se si è raggiunto l’orgasmo non è poi cosa così sbagliata, aiuta a parlarne, chiedere significa che vi interessa sinceramente il benessere del partner, ma evitate di cadere nel cliché, “Come è stato per te?”. Sconsigliato.