Parlare durante il rapporto sessuale fa bene alla coppia

da , il

    Parlare durante il rapporto sessuale fa bene alla coppia

    Parlare durante il rapporto sessuale fa bene alla coppia. E’ quanto emerge da uno studio condotto dall’Università di Cleveland, negli Stati Uniti, secondo cui le coppie che parlano mentre fanno l’amore sono quelle che ricavano una maggiore soddisfazione dal rapporto.

    Perché avviene ciò? Semplicemente perché ‘la comunicazione sessuale garantisce una minore ansia nel rapporto e dà più sicurezza‘ ha spiegato Elizabeth Babin, una delle autrici dello studio. Studio che ha coinvolto 207 persone: 88 studenti universitari e 119 ‘cavie‘ selezionate dal web.

    Affinché il rapporto si riveli realmente soddisfacente però non basta parlare, ma si devono anche usare le parole giuste… Al bando, dunque, nomignoli e vezzeggiativi teneroni e melensi come orsacchiotto, cucciolone, tesoruccio e topolino… Sono proprio loro a determinare un calo nella libido e ad assestare un colpo micidiale alla virilità.

    Che dire, dunque? Anche se siete delle principesse poco avvezze al loro utilizzo, le parolacce sembrano andare per la maggiore. Gli uomini, infatti le considerano massimamente eccitanti. E le donne?

    Contrariamente a quanto si possa immaginare nemmeno l’eros femminile viene sollecitato da nomignoli quali micina, farfallina, patatina e piccolina, soprattutto se l’intimità è l’unica circostanza in cui vengono adoperati. Ma perché succede ciò? Perché l’utilizzo di nomignoli affettuosi non fa altro che attivare uno spostamento nel subconscio del partner tale per cui perde tutte quelle caratteristiche che lo facevano apparire eccitante e desiderabile.

    Morale della favola: se avete la buona abitudine di parlare durante il rapporto sessuale continuate pure a farlo, ma eliminate dal vostro vocabolario le zuccherosità varie sostituendole con un linguaggio decisamente più audace e persino un po’ sopra le righe, ne otterrete sicuramente un vantaggio in termini di maggiore appagamento

    Foto di Brandon Milner