Problemi di coppia: il sito iDump4u.com aiuta a chiudere una relazione

da , il

    Problemi di coppia: il sito iDump4u.com aiuta a chiudere una relazione

    Il periodo che precede il Natale à caratterizzato da frenesia per i regali, da felicità, ma anche da una vera e propria moria di rapporti di coppia, almeno secondo un recente studio effettuato sugli aggiornamenti degli status dei Facebook. È stato scoperto che in effetti questi ultimi passano da fidanzato a single soprattutto nei giorni immediatamente precedenti al 25 e al 26 dicembre. Quindi, se siete tra le persone che stanno seriamente pensando di chiudere una relazione proprio in questi giorni, ma non avete abbastanza fegato per farlo, sappiate che potete contare sull’aiuto del sito web iDump4u.com, fondato da Bradley Laborman.

    Il suo curriculum vanta oltre 200 relazioni terminate dal settembre 2009, grazie al servizio di pay per call. Ma cosa fa esattamente Laborman? Questo tizio chiede solo 10$ per sbarazzarsi in vece altrui della fu dolce metà, senza che il vigliacco di turno si sporchi le mani.

    Lui semplicemente si reca dalla persona che deve essere scaricata e le comunica che la sua felice storia è finita. Certo ci mette del tatto, se così possiamo definirlo, ma che squallore! La maggior parte dei video che vengono fatti, tra l’altro, finiscono per essere postati (in modo anonimo) sul suo sito.

    Quello che è iniziato come un gioco su una emittente radio è finito per trasformarsi in un business vero e proprio, che ha fruttato allo scaltro e privo di scrupoli Laborman un libro riguardo ciò che funziona o meno all’interno di una relazione.

    Fortunatamente in Italia non mi risulta che esista ancora qualcosa di così triste e vigliacco. Ma insomma, come si fa a lasciare ad un’altra persona il compito di scaricare qualcuno? Probabilmente non si tratta di persone che hanno lasciato un segno nella vita degli ex partner, ma da qui ad utilizzare simili metodi ne passa! La dignità che fine ha fatto? Comunque bisogna anche considerare che parliamo di una società, quella degli Stati Uniti, ormai quasi priva di rapporti interpersonali reali. Si vive soprattutto di social network e di relazioni virtuali per cui, se si considera questa prospettiva, una cosa del genere non è poi neanche troppo assurda.