Problemi di coppia: si può continuare a convivere con un ex dopo la rottura?

da , il

    Problemi di coppia: si può continuare a convivere con un ex dopo la rottura?

    I rapporti di coppia sono davvero strani, ci sono alcune persone che dopo essersi lasciate (non per forza in un modo traumatico) decidono di rimuovere le foto dell’ex da Facebook, mentre altre restano amiche o addirittura proseguono nella convivenza, come niente fosse. È questione di caratteri ovviamente, anche se a volte può anche essere il mero fattore economico che costringe la ex coppia a vivere sotto lo stesso tetto per continuare a dividere il mutuo e le bollette. Ma perché non trovare un altro inquilino? Insomma, in casi del genere come è meglio comportasi?

    Partiamo dal presupposto che vivere con un ex è un’idea terribile, per quanto il rapporto sia sincero e la fine della storia non abbia portato rancori; in questo modo si vanno solo a cercare dei problemi! E per quale motivo? Per risparmiare qualche soldo o per la riluttanza nel cercare una nuova casa e traslocare (o cercare un altro inquilino)? A volte si persevera nella convivenza perché in fondo si spera di riuscire a recuperare il rapporto, o perché così resta ancora vivo il legame di appartenenza e si ha la possibilità di continuare a tenere sotto controllo la situazione. Ma così è solo più dura e anche nella lontana ipotesi di un ravvicinamento, la relazione recuperata è solo una bomba ad orologeria pronta ad esplodere in breve tempo. E questa volta farebbe davvero male. Quindi, per il bene della propria salute mentale e delle future relazioni, è meglio trovarsi un altro inquilino oppure cambiare aria: si sta male all’inizio, molto anche, ma il tempo, la distanza ed una nuova vita, sono le migliori medicine per una felice esistenza.