Ragazze facili o caste? La risposta è nei geni

da , il

    Ragazze facili o caste? La risposta è nei geni

    Quante volte ci è capitato di vedere situazioni che abbiamo ritenuto spiacevoli, grottesche, patetiche o degradanti per la figura femminile? Sia vedere sia avere a che fare con ragazze cosiddette facili o troppo caste, causa delle reazioni critiche nei loro confronti: nel primo caso infatti diremo che “quella lì è proprio una…” perché magari ha storie con più ragazzi, va a letto con chi capita o mette le corna al suo partner senza problemi; nel secondo caso, invece, viene criticato il fatto che aspetti troppo tempo per concedersi ad un ragazzo con cui sta uscendo. Insomma, non ci va bene proprio niente.

    Secondo un nuovo studio, il DRD4, lo stesso gene che è stato collegato all’alcolismo e all’ossessione per i film horror, risulta connesso alla tendenza delle persone a tradire o ad avere rapporti promiscui. I ricercatori dell’università di Binghamton si sono uniti per studiare la storia sessuale e le relazioni sentimentali e amicali di 181 giovani adulti volontari, oltre a prelevare campioni di Dna per verificare la presenza del gene DRD4. I risultati hanno dimostrato che coloro i quali erano in possesso di determinati tipi del genere avevano anche avuto delle esperienze di infedeltà e di rapporti promiscui.

    Una ricercatrice ha spiegato che la motivazione sembra derivare da un sistema di piacere e di ricompensa, in cui entra in gioco il rilascio di dopamina. Nei casi di rapporti sessuali senza vincoli i rischi sono alti, le ricompense sostanziose e la motivazione variabile: tutti elementi che assicurano una “corsa” alla dopamina. Nonostante queste scoperte, comunque, ciò non vuol dire che solo coloro che portano il malefico DRD4 tradiranno o saranno dediti a rapporti promiscui, ma piuttosto saranno esposti ad una maggiore possibilità che ciò avvenga rispetto a chi non ha quel gene.