Sito di incontri: il supermercato virtuale che vende uomini

da , il

    Sito di incontri: il supermercato virtuale che vende uomini

    Le donne trovano grandi affari nel supermercato dell’amore! Non sono pazza, ho solo riportato quanto scritto sulla Home Page di www.adoptaguy.com, un nuovo sito per incontri dedicato alle donne, sfacciato e aggressivo, che rende gli uomini oggetto (una volta tanto anche loro) dei desideri del popolo femminile. L’impostazione data al sito è quella classica dell’ec-commerce, una sorta di supermercato online degli uomini. Le donne, dal canto loro, possono trovare le migliori occasioni e mettere nel carrello virtuale, pagare alla cassa e portarsi a casa il proprio acquisto. Una metafora commerciale, che vede comunque il sesso forte esposto in vetrina.

    L’idea di www.adoptaguy.com ribalta i canoni: quando ci si iscrive, infatti, bisogna segnalare se si è donna e quindi cliente, oppure uomo-prodotto. Posta in questi termini, la trovata è divertente e curiosa, fosse stato il contrario si sarebbe sicuramente sollevato un vespaio di polemiche. In un mondo dove la donna è ancora rappresentata come un oggetto, spiattellarla lì in vetrina, vittima della depravazione maschile, sarebbe stato proprio umiliante. E poi, se sono le donne e tenere le redini del gioco è tutto molto meno squallido, anzi forse non lo è per niente. Dopotutto, il sito è fondamentalmente un modo per incontrarsi e sperare di trovare l’amore online, semplicemente più divertente, basato sull’ironia dello scambio dei ruoli.

    Il mercato del ‘meet online’ fa registrare cifre davvero considerevoli, se si pensa che in Italia il giro d’affari nel 2009 è stato pari ad oltre 40 milioni di euro, comunque ben più basso di Germania (oltre 170 milioni) e Francia (102 milioni).

    Adoptaguy è un’idea che avrà successo grazie alla sua trovata originale, ma oltre il gioco, bisogna stare attente, la sicurezza va sempre in primo piano, quindi controllate bene ciò che ‘acquistate’ e soprattutto fate attenzione quando lo ‘consumate’. Proprio come quando si fa spesa in un supermercato!