Soddisfazione sessuale scarsa per i trentenni

da , il

    Soddisfazione sessuale scarsa per i trentenni

    Quanto a soddisfazione sessuale i trentenni sono in assoluto i più inappagati, a differenza dei 50enni che sembrano al contrario vivere un’autentica esplosione della loro attività sessuale. E’ quanto emerge dal Sex Census 2012 effettuato in Inghilterra su 25mila persone e pubblicato dal DailyMail.

    Secondo il sondaggio il 25% delle persone di età compresa tra i 30 e i 39 anni non conosce la soddisfazione sessuale per via delle numerose preoccupazioni economiche che li affliggono, il lavoro precario e la mancanza di tempo libero.

    Inoltre, il 35% del campione esaminato addita al ruolo di neo genitore - che assorbirebbe tutto il tempo e le energie a disposizione - la mancanza di soddisfazione sessuale. Ad incidere sul grado di soddisfazione sessuale ci sarebbero anche la depressione e la scarsa autostima.

    I trentenni si consolino, in fondo dovranno attendere solo altri 20 anni per conoscere le gioie del sesso. Gli individui tra i 50 e i 59 anni, infatti, registrano un 52% di soddisfazione sessuale e solo una minuscola percentuale di essi pari al 5%, si dichiara scontento a letto.

    Lo studio è stato finanziato in Uk dal Charity Relate and the Ann Summers shop Chain. Paula Hall, sessuologa tra i promotori del sondaggio, ha spiegato li sono ‘le responsabilità e i tanti problemi che mettono in difficoltà la sessualità dei trentenni‘. Tra queste si possono annoverare: le pressioni dettate dal mutuo, dai bambini e dal lavoro che possono influire in maniera negativa sulla regolare vita sessuale, soprattutto se combinate con gli effetti della crisi e della recessione.

    Cosa fare per correre ai ripari? Cercare, a dispetto dei problemi di ordine materiale ed economico, di non rinunciare mai alla propria sessualità sforzandosi di promuovere costantemente l’appagamento all’interno della coppia. Dall’indagine, infatti, emerge che i 30enni lamentano tutti di voler fare più sesso. ‘Un consiglio – suggerisce Paula Hall – potrebbe essere quello di strappare periodicamente un po’ di tempo dal lavoro da dedicare al proprio partner‘.