Uomini e donne: meglio i pari diritti o sposare un uomo più ricco?

da , il

    Uomini e donne: meglio i pari diritti o sposare un uomo più ricco?

    La diatriba infinita, tra uomini e donne, sulla parità dei sessi è sempre attuale e trova terreno fertile in diversi ambiti: dalla politica al mondo del lavoro, dalla vita domestica allo sport. Il movimento femminista si è battuto alacremente negli ultimi 40 anni per riuscire ad ottenere dei diritti inalienabili che però non venivano riconosciuti alle donne, oppure per abolire alcune vigliaccherie come quella del delitto d’onore. Ma, nonostante tutto questo trambusto, tutte queste battaglie e tutti questi sforzi, è stato davvero raggiunto un livello paritario tra l’universo maschile e quello femminile?

    Sembrerebbe di no, purtroppo, almeno stando ad un recente studio che è stato svolto in Europa: le statistiche infatti denuncerebbero che la maggior parte (non sono riuscita a trovare il quantitativo numerico del campione) delle donne intervistate preferirebbe trovare un uomo ricco da sposare piuttosto che avere una carriera di successo e piena di soddisfazioni.

    Cosa succede quindi? Qui non si tratta della semplice ambizione di voler sposare un uomo ricco e acculturato, quanto di farsi, diciamolo, mantenere da uno Sugar Daddy e cancellare qualsiasi sogno di gloria personale. Dal mio punto di vista non ritengo la carriera un successo, ma comunque considero fondamentale nella vita molte altre cose, che sicuramente metterei davanti al matrimonio con un novello Rockefeller. Poi se mi dovessi innamorare di un uomo agiato, ben venga, non farei discriminazione!

    Che significato potrebbero avere i risultati della ricerca? Che forse le donne sono tendenzialmente portate a cercare la via più semplice e comoda? Non credo proprio, probabilmente le risposte sono state date ed interpretate superficialmente; oggi più che mai, in ogni posto di lavoro (e non solo), la componente femminile ha una voglia di rivalsa enorme e ha fame di conquistare il successo e la dignità che secoli di maschilismo le hanno negato. Voi che ne pensate?